La Virtus Francavilla ha ceduto per 2-1 contro il Picerno, in una gara piuttosto intensa, nella quale i biancazzurri erano comunque riusciti a passare in vantaggio.

Antonio Magrì, presidente del sodalizio pugliese, in sala stampa prova a spiegare lo scivolone dei suoi così: “Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, una trappola, perché il Picerno è una squadra che non ti fa giocare, si chiude giocando tutti dietro la linea della palla. Così, diventa difficile recuperare un risultato. Avremmo dovuto capirlo meglio. Se abbiamo perso la partita, evidentemente, abbiamo fatto qualche errore”.

Il numero uno del club ha poi proseguito dicendo: “Mi dispiace perché queste sono le partite da vincere, contro squadre concorrenti, alla nostra portata ed i punti valgono doppio. E’ facile avere stimoli contro le grandi squadre, ma bisogna vincere soprattutto queste partite. La gara doveva essere preparata meglio. Siamo caduti nel loro tranello e non abbiamo saputo gestire il vantaggio, anche se sull’1-1 abbiamo avuto un’occasione ghiottissima. Dovevamo gestire meglio i momenti. A partire dalla Società, dobbiamo sempre mantenere i piedi per terra e troppo entusiasmo dà alla testa”.

Sulla formazione ospite Magrì ha poi detto: “Io credo che il Picerno ha fatto la sua partita cinica. Forse il risultato più giusto poteva essere un altro, ma bisogna dare merito ai nostri avversari, che hanno vinto una partita con più scaltrezza e furbizia rispetto a noi”.