Nel corso della trasmissione Rossoblu85, in onda su Canale 85, è intervenuto anche Vittorio Galigani, consulente personale del presidente Giove che ha chiarito alcuni aspetti come il rapporto tra Pagni e la società, la questione allenatore e quella relativa alla convenzione d’uso dello stadio Iacovone.

ALLENATORE, QUANDO SI CHIUDE? – “In serie C si sono giocati fino a ieri i play-out e sono ancora in corso i play-off. Per cui molti allenatori sono ancora vincolati alle loro società. Pagni sta avendo molti contatti e sta valutando quello che sarà il profilo più utile alla causa del Taranto”.

INCONTRO COMUNE-TARANTO FC – “La questione convenzione la stiamo portando avanti da più di un mese. Dobbiamo fare i conti con alcuni pregressi precedenti alla gestione Giove e in più abbiamo presentato tutti i documenti relativi alle spese sostenute dalla società per la manutenzione del campo A e B. Ci dovrà essere una compensazione su queste partite contabili e poi ci sarà il rinnovo dell’uso dello Iacovone. Per quanto riguarda il campo B, invece, una volta che i lavori sono finiti è emersa la volontà dell’amministrazione di utilizzare l’impianto non solo per il calcio ma renderla una struttura polivalente. C’è un dialogo aperto e stiamo trovando gli ingranaggi giusti per riuscire ad utilizzare l’impianto insieme ad altre società che lavorano su altri sport. Questa è una routine che è sempre accaduta e l’esperienza mi insegna che si è sempre trovato un accordo”.

CHIAREZZA SUL RAPPORTO PAGNI-TARANTO FC – “L’accordo con Pagni è stato trovato lo scorso 8 giugno. Danilo (Pagni, ndr) da quel giorno sta lavorando alacremente sugli aspetti tecnici della società. Per quanto riguarda il contratto, è chiaro che si tratta di un rapporto privato tra la società e il prestatore d’opera. I regolamenti dicono che in questa categoria è possibile depositare un contratto di rimborso spese e non economico, con un tetto massimo di 30.000 euro circa. Il nostro è un rapporto impostato su valori diversi: si tratta di un triennale e i nostri avvocati, quelli di Danilo (Pagni, ndr) e della società, si sono sentiti più volte e stanno perfezionando il contratto a tutela e con garanzie per entrambi. Se come tutti speriamo, il Taranto successivamente raggiungerà la terza serie, sarà possibile depositare il contratto economico e questo discorso sarà definitivamente chiuso. Ma parlando con Barbiero e con Sibilia, si vuole risolvere questo inghippo già da quest’anno perchè non è giusto che una persona laureata a Coverciano come direttore sportivo, non possa esercitare la propria professione nei dilettanti”.

TUTTI VOGLIONO VENIRE A TARANTO – “Ho sempre detto che il Taranto non è una piazza da serie D. Tutti i calciatori della passata stagione vorrebbero rimanere a Taranto, altri calciatori vorrebbero venire e tanti allenatori vorrebbero sedersi sulla panchina di questa squadra. Per cui Danilo (Pagni, ndr) si sta impegnando con contatti continui per scegliere il profilo migliore che sappia soddisfare le esigenze della società e dei tifosi”.