Gli azzurri saranno di scena al “Coppi” di Ruvo al cospetto della compagine neroverde, attuale capolista del torneo
Nono impegno di campionato per l’Unione Calcio, di scena domenica 3 novembre alle ore 14.30 al “Coppi” di Ruvo nella sfida al cospetto della capolista Corato.Una gara probante per i biscegliesi, reduci dal pari casalingo a reti inviolate contro l’Ugento, sfida che ha permesso ai ragazzi del tecnico Di Simone di tornare a far punti dopo due sconfitte consecutive.
“Abbiamo sfidato una squadra che è giunta al “Di Liddo” da seconda in classifica, forte di aver trovato sempre la via del gol nelle precedenti gare – analizza il responsabile dell’area tecnica azzurra, Aldo Papagni ai microfoni di Unioneweb&tv-. Sicuramente resta un pizzico di rammarico perché nel secondo tempo ci è mancata soltanto la zampata finale ma tutto sommato possiamo ritenerci soddisfatti del punto incamerato, arrivato soprattutto senza aver subito reti”.
Il prossimo ostacolo sul cammino dell’Unione Calcio, quindi, sarà il Corato capolista attuale del torneo con 18 punti all’attivo (6 vittorie e 2 sconfitte), reduce dalla vittoria esterna nello scontro al vertice contro l’Audace Barletta (1-3). “Stiamo parlando di una fuoriserie del campionato di Eccellenza – prosegue Papagni -. Conosco la maggior parte dei giocatori che compongono la fortissima rosa. D’altro canto mister Di Simone e lo staff stanno lavorando su un profilo ed un’identità precisa di squadra, come dimostrano i risultati. Per cui andremo a Ruvo con l’obiettivo di mettere in campo i nostri presupposti di gioco, provando a confermarci come mina vagante delle gare esterne”.

Il responsabile dell’area tecnica azzurra si sofferma poi su un’analisi del primo segmento di stagione dell’Unione Calcio. “Nelle dodici gare disputate tra campionato e Coppa abbiamo perso soltanto due partite; una di queste sconfitte è arrivata a Trani, su un campo ai limiti della praticabilità, mentre al “Di Liddo” contro il Gallipoli si è trattato di uno stop immeritato per quanto creato. Sicuramente abbiamo raccolto meno punti di quanto gioco ed occasioni ci avrebbero permesso di incamerare – prosegue Papagni – ma c’è la consapevolezza di poterci sbloccare completamente sotto l’aspetto della finalizzazione. La Coppa, poi, ci ha tolto anche energie e uomini per via di impegni ravvicinati, allo stesso tempo l’aver eliminato squadre importanti come Vigor Trani e Barletta, dimostra la bontà del lavoro che il mister ed il suo staff stanno portando avanti. I complimenti che stiamo raccogliendo, inoltre, ci spronano ancor di più a credere che questa sia la strada da seguire”.
Nessuno squalificato tra gli azzurri per la gara di Ruvo, mentre i padroni di casa dovranno fare a meno dell’attaccante Vito Falconieri.
Il match sarà diretto da Antonio Spera della sezione di Barletta, coadiuvato da Antonio Alessandrini (Bari) e Luca Latini (Foggia).