Brutta battuta d’arresto per la Virtus Andria che nell’undicesima giornata del campionato di Prima Categoria girone A, cade al “Fidelis” contro un ordinato e cinico Real Sannicandro.

Si tratta della seconda sconfitta consecutiva in campionato (la terza contando anche la gara di Coppa Puglia) per gli uomini di mister Sinisi che sembrano aver perso la bussola.

Il coach biancoazzurro deve fare a meno del suo miglior marcatore Angelo Quacquarelli squalificato e per l’occasione vara un inedito 3-5-2 cambiando diversi interpreti in campo rispetto alla gara di domenica scorsa a Molfetta.

Contro c’è il Real Sannicandro allenato da mister Domenico Birardi in serie positiva e reduce da due vittorie consecutive.

Il match fin dalle prime battute è equilibrato, gli ospiti si dimostrano comunque una squadra ostica e ben organizzata.

La prima vera occasione della gara capita tra i piedi di Andrea Fiore, il n. 9 di casa imbeccato da un suggerimento in profondità di Amorese arriva a tu per tu con il portiere ospite Carulli che in uscita è lesto a respingere la conclusione e quindi a sventare il pericolo.

Gli ospiti però colpiscono al 30’ con Lamin Sanyang che appena entrato in area di rigore si gira bene e col destro batte Campanile.

La Virtus cerca la reazione e al 34’ Domenico Amorese in area di rigore durante un azione confusa tenta il lob ai danni di un difensore ospite il quale colpisce con le mani la sfera ma nella confusione generale l’arbitro non concede il penalty ai biancoazzurri.

A nulla servono le proteste, per l’occasione viene ammonito il capitano Saverio Addario.

Ma come spesso avviene nel calcio, gli episodi la fanno da padrone e così al 41’ gli ospiti trovano il raddoppio con una veloce azione di contropiede finalizzata da Vincenzo Paparella.

La rete del 2-0 a questo punto sembra essere una sentenza per l’incontro ma al 45’ ci prova Filippo Capozza (encomiabile la sua prova) con un potente destro da fuori deviato in angolo dal bravo Carulli.

Il primo tempo termina con gli ospiti in vantaggio di due reti.

La gara nella ripresa vede la Virtus tentare il tutto per tutto pur di riequilibrare una gara compromessa da un primo tempo non all’altezza ma gli ospiti si difendono bene e in più il direttore di gara ci mette del suo non concedendo un altro calcio di rigore sul neo entrato Gadaleta al minuto 80.

Il calcio di rigore a favore della Virtus arriva però al 87’ per fallo su Saverio Addario.

Dal dischetto Roberto D’Ambrosio spiazza Carulli e riporta in auge i suoi.

Ma nonostante gli attacchi non arriva il pari e così la Virtus deve arrendersi alla seconda sconfitta interna stagionale dopo quella contro la Sly United.

Una sconfitta che lascia i biancoazzurri a quota 16 punti e or a -6 dalla zona playoff.

Un periodo senza dubbio complicato per la squadra di mister Sinisi che non riesce più ad essere quella ammirata nella prima parte di campionato e nella prossima gara sarà di scena su un campo difficile come quello di Stornarella, con i foggiani lanciatissimi al quinto posto e reduci da ben sette vittorie consecutive e sei gare di fila senza subire reti.

Il Real Sannicandro invece vive un bel momento e la terza vittoria consecutiva proietta la matricola di mister Birardi a quota 15 punti a centro classifica in linea con l’obiettivo salvezza dichiarato ad inizio stagione.

 

 

VIRTUS ANDRIA vs REAL SANNICANDRO 1-2

 

VIRTUS ANDRIA: Campanile, Abruzzese, Cardinale, Nesta (51’ Gadaleta), Troia, Pasculli, Civita (46’ D’Ambrosio), D. Amorese, Fiore (66’ Cipri), S. Addario, Capozza.

A disposizione: Simone, Di Chio, F. Amorese, A. Addario, Di Palma, Erminio. All. Cosimo Sinisi

 

REAL SANNICANDRO: Carulli, Ferri (66’ Abbondanza), Terlizzi, Tarantino, Petruzzelli, Monte, Paparella (83’ Busco), Scaraggi, Cascione (71’ Alidoro), Rizzi (94’ Valla), Sanyang (91’ Patruno).

A disposizione: Gagliardi, Fortunato. All. Domenico Birardi

 

ARBITRO: Alessandro Leo della sezione di Foggia

 

MARCATORI: 30’ Sanyang (RS), 41’ Paparella (RS), 87’ D’Ambrosio su rigore (VA)

 

NOTE: ammoniti Cardinale, Pasculli, S. Addario, Capozza (VA), Rizzi, Sanyang, Alidoro (RS)

 

 

ALESSANDRO POLICHETTI