Il Foggia cade a Crotone e fa registrare la prima sconfitta stagionale. Al cospetto dell’ex Stroppa i rossoneri incappano in una giornata storta e dopo un primo tempo equilibrato cedono nella ripresa.

[sc name=”garofalo”]

Grassadonia – in tribuna per la squalifica, in panchina va il vice Russo – ritrova Agnelli, Mazzeo e Gerbo, che tornano a disposizione dopo aver scontato le squalifiche, ma perde Busellato. Mancano all’appello anche Deli, Zambelli, Rizzo e Iemmello (infortunati) oltre a Galano che sconta la seconda delle giornate di squalifica. Il Mister rossonero va sul sicuro in difesa, confermando Tonucci, Camporese e Martinelli, e sugli esterni, Loiacono e Kragl. A centrocampo Capitan Agnelli rileva Busellato e va al fianco di Carraro e Cicerelli, in attacco Gori lascia il posto a Mazzeo con Chiaretti ad agire in appoggio. Nel primo tempo i rossoneri hanno per 2 volte la possibilità di passare in vantaggio, con Cicerelli e Mazzeo, su errori della difesa calabrese ma non ne approfittano. Al 31’  arriva il primo gol crotonese con Faraoni. Nella ripresa in 5’ il Foggia concede 2 gol al Crotone che prima con Firenze (49’) e poi con Nalini(54’) si porta sul 3-0. 6’ di blackout, si spegne una torre faro, tolgono ritmo alla gara e alla ripresa del gioco il Foggia capitola ancora: è Rodhen a segnare il gol del 4-0- Il rigore nel finale, procurato da Chiaretto e realizzato da Mazzeo, non allevia la sconfitta. Finisce 4-1, troppo brutto per essere vero.

 

Fonte: Area Comunicazione Foggia