Prima il nuovo regolamento per i playout. Poi, ieri, una serie di penalizzazioni da parte del Tribunale Federale Nazionale. La lotta salvezza nel Girone C, da mera formalità, si trasformerà nelle ultime cinque giornate in una battaglia senza esclusione di colpi.Ricordiamo che la Lega ha comunicato che arrivare penultimi a più di otto punti dall’ultima, attualmente la Paganese, non significherà salvezza diretta. La squadra che arriva penultima dovrà affrontare un playout con l’omologa formazione del Girone A che vincerà il primo spareggio nel suo girone o arriverà similmente penultima a più di otto punti dal fanalino di coda.Ma non è finita qui. Ieri il TFN ha annunciato una serie di penalizzazioni che hanno riguardato le tre squadre che, di fatto, si stanno giocando la salvezza nel Girone C. Il Bisceglie ha incassato un -3, due punti in meno a testa invece per Rieti e Siracusa. La nuova classifica vede la Paganese sempre ultima a 14 punti, poi Bisceglie a 26, Siracusa e Rieti a 30.La lotta per restare in Serie C si farà quindi decisamente serrata. Considerando che ad esempio Siracusa e Bisceglie dovranno osservare un turno di riposo, mentre la Paganese ha già tre punti garantiti per il match col Matera. Rieti e Paganese poi domenica si affronteranno in uno scontro diretto, e tutte affronteranno squadre in lotta per mantenere il posto playoff.Insomma sarà un finale di stagione che si giocherà sul filo del rasoio. Di tutto questo però una squadra ne sorride. E’ la Sicula Leonzio che ora, con i suoi 39 punti, si può considerare matematicamente salva. Il Bisceglie infatti, dovendo giocare solo quattro gare, non può più raggiungere i bianconeri che ora possono chiudere l’anno senza pensieri se non provare a puntare ai playoff.