n collegamento con Antenna Sud, Nicola Canonico, presidente del Bisceglie, si sfoga e lancia la sua accusa contro Francesco Ghirelli:

“L’Articolo 13 del nostro statuto prevede che 12 società possono convocare un’assemblea ordinaria, le 12 società hanno presentato un’istanza. Ghirelli ha sette giorni per convocare l’assemblea; se rifiuta, deve comunicare il suo non interesse alle società. Finora lui non lo ha fatto. Ci ha inviato una lettera nella quale ci chiedeva prima un incontro informale fissato per il giorno 7 – e francamente questo era offensivo nei nostri confronti – e poi una convocazione per un’assemblea completa successiva al giorno 8, data del Consiglio Federale. Il nostro gradimento era chiaramente differente. Il Presidente ha due strade: o quella di non convocare l’assemblea o quella di farlo entro sette giorni – riportano i colleghi di tuttocalciopuglia.com -. Nel primo caso dovrebbe motivare la sua scelta e noi poi potremmo presentare ricorso al Collegio di Garanzia. E’ una situazione imbarazzante anche per il Consiglio Federale perché un atto di indirizzo di un’intera assemblea è ben diverso da uno di un Consiglio Direttivo, fatto di persone che prima bloccano i campionati e poi si dicono disposti a disputare i playoff”.

Il numero uno del club nerazzurro dice la sua sulle scelte del prossimo Consiglio Federale in programma, ipotizzando un provvedimento: “Potrebbe affrontare i temi di Serie A, Serie B e Serie D e posticipare a un altro Consiglio Federale il concetto della C. I tempi, però, sono stretti perché abbiamo il limite del 20 agosto entro il quale i campionati vanno completati. Il mio rammarico è legato al fatto che Ghirelli continua a giocare con le lettere senza badare alla forma e alla correttezza giuridica. Sta andando incontro a seri provvedimenti”.