Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Iemmello a 6 minuti dalla fine regala i 3 punti al Foggia. Marino reclama un gol annullato e un rigore non dato

C’era l’imperativo vittoria in casa Foggia alla vigilia con lo Spezia e la vittoria è arrivata. L’ha firmata Iemmello all’84esimo dopo una gara non esaltante, a dire il vero per via di entrambe le squadre. Troppa paura di fallire nei rossoneri, che si auto infliggono una iniezione soporifera nella prima frazione di gioco. Nella ripresa la partenza è migliore per il Foggia, ma i rossoneri non riescono a pungere. Nell’assalto finale gli uomini di Grassadonia concedono qualcosa, lo Spezia va in gol ma l’arbitro lo annulla (molto dubbio), ci sarebbe anche un fallo di mani in area di Martinelli, prima della serpentina di Gerbo (migliore in campo con Zambelli) che crossa sul secondo palo col piede opposto. Trova Iemmello che da vero bomber non sbaglia. Il tripudio allo Zaccheria arriva solo alla fine, che sofferenza, ma anche quanta gioia al 95esimo.

Fabio Lattuchella