Il Bisceglie lascia di sasso… il Matera. Starita regala tre punti ai nerazzurri

83

Continua il momento magico del Bisceglie Calcio che ha raccolto la seconda vittoria in campionato, nonché la seconda interna mantenendone l’imbattibilità. Un risicato 1-0 su un Matera in piena crisi d’identità ed al terzo stop consecutivo. Un match approcciato, e ben si sapeva, in maniera diversa rispetto alla gara di Coppa Italia con una squadra che ha lottato fino all’ultimo minuto e che ha illuso gli avversari nell’accontentarsi di un pareggio atto solo a muovere la classifica. Ma così non è stato.

Mister Ciro Ginestra ha rispettato le previsioni con il 3-5-2 in cui avanti a Crispino sono collocati Maccarone, Markic e Maestrelli; Toskic metodista che lega le corsie laterali gestite da Risolo a destra e Onescu sul versante mancino. Jakimovski sulla trequarti a sostegno del duo offensivo Starita-De Sena.

Modulo speculare per i materani di Imbimbo con Sepe arretrato in difesa ad affiancare Stendardo e Corso e Casiello in mediana. Ricci e Bangu laterali di centrocampo a supporto di Tricarico e Galdean in fase di impostazione. Coppia offensiva composta da Scaringella e Orlando. Aurilletto in panchina con il recuperato in extremis Corado e con l’acciaccato Genovese.

All’ottavo minuto prima azione pericolosa del Matera da palla inattiva; sugli sviluppi del primo corner per gli ospiti Stendardo ha provato a girare di testa ma la palla è sfumata fuori.

I nerazzurri hanno reagito al ventesimo con Longo entrato in area sul lungo fendente dalla sinistra di Maestrelli: il numero quindici nerazzurro è atterrato dal diretto marcatore ma il direttore di gara ha lasciato proseguire.

Al venticinquesimo Bangu si è mangiata una nitida palla gol su prezioso assist di Tricarico: in anticipo è giunto Toni Markic che ha sfiorato il pallone sul fondo. Minuto ventotto, ancora Matera con la finezza di Orlando dal limite dell’area di rigore a servire Ricci: il tiro dell’interdittore biancazzurro è stato impreciso. Un solo giro di lancette ed è arrivata la conclusione a botta sicura di Starita dopo una micidiale progressione: pallone centrale ma sfuggente tra le mani di Farroni, pronto in due tempi.

Toskic dolorante viene rimpiazzato da Giacomarro che ad un minuto dal proprio ingresso ha visto riflarsi un cartellino giallo per fallo su Sepe.

Al trentaseiesimo si è rifatta sotto la truppa nerazzurra prima con lo scatto di Longo ed il suo sinistro ribattuto e successivamente con il diagonale sporco di Risolo che ha sfiorato il palo. Al quarantesimo dal versante sinistro è stato invece Jakimovski a provare a sorprendere gli avversari con un colpo di punta parato con facilità da Farroni.

Capovolgimento di fronte e Matera insidioso con il tiro-cross di Orlando su cui Crispino ha fatto buona guardia prima dell’intervento di Scaringella.

Nella ripresa subito Orlando in volata fermato da Crispino in uscita di piede. Pallone in angolo subito sventato dal baluardo stabiese. Al cinquantacinquesimo filtrante di Orlando per Ricci in sovrapposizione che ha impegnato severamente Crispino.

Al sessantacinquesimo rigore reclamato dal Bisceglie per una trattenuta di Corso su Onescu durante l’esecuzione del corner battuto da Jakimovski. I padroni di casa hanno poi avuto una occasione importante tre contro tre con Onescu in volata che ha calciato malamente nonostante la coppia offensiva Starita-De Sena fosse libera.

Girandola di cambi anche per il Bisceglie con gli ingressi di Scalzone e Bottalico in luogo di De Sena e Risolo e ospitanti più motivati a portare a casa la posta in palio nonostante le precarie condizioni del terreno di gioco.

Ed è stato così a dodici minuti dal termine con il gol del vantaggio: cross profondo di Longo dalla destra, incornata di Scalzone che ha preso l’incrocio dei pali ma Ernesto Starita è stato rapidissimo nel tap in che ha bruciato la difesa dei sassi.

Il collettivo di Ginestra ha premuto il piede sull’acceleratore centoventi secondi dopo per l’ultima azione da taccuino ancora con Starita che si è divorato il raddoppio a tu per tu col portiere avversario ben suggerito dal subentrato Calandra.

Il prossimo turno per gli stellati è previsto in data tredici ottobre allo stadio Municipale di Trapani contro la lanciatissima capolista.

BISCEGLIE-MATERA 1-0

Bisceglie (3-5-2): 1 Crispino; 5 Markic, 6 Maccarrone (dal 50° 2 Calandra), 13 Maestrelli; 11 Jakimovski, 19 Risolo (dal 73° 4 Bottalico), 8 Toskic (dal 32° 23 Giacomarro), 7 Onescu, 15 Longo; 10 Starita, 9 De Sena (dal 73° Scalzone). Allenatore: Ciro Ginestra. A disposizione: 12 Addario, 3 Raucci, 16 Beghadi, 14 Camporeale, 20 Sisto, 18 Messina.
Matera (3-5-2): 1 Farroni; 4 Corso (dall’84 24 Dellino), 18 Casiello (dal 57° 6 Auriletto), 13 Stendardo; 20 Triarico, 21 Bangu (dall’84° 16 Dammacco), 10 Galdean, 14 Ricci (dal 73° 5 El Hilali), 3 Sepe; 7 Orlando, 11 Scaringella (dal 57° 9 Corado). Allenatore: Eduardo Imbimbo. A disposizione: 12 Guarnone, 25 Arpino, 29 Risaliti, 19 Sgambati, 8 Garufi, 15 Lorefice, 17 Genovese.
Rete: 78° Starita.
Arbitro: Nicola Donda di Cormons.
Assistenti: Michele Somma e Francesco D’Apice di Castellammare di Stabia.
Note: Ammoniti: 21° Corso, Jakimovski; 33° Giacomarro, 45° Sepe 61° Maestrelli, 82° Starita. 426 spettatori paganti e incasso di €4756. Calci d’angolo: 2-7.

Bartolomeo Pasquale