Foggia che vince con un gol al 95esimo di Tortori. Gibilterra dal primo minuto in attacco. Corda sceglie 3 attaccanti per fronteggiare il Taranto di Ragno ma il nuovo arrivato fa l’interno di centrocampo. Solito 3-5-2 anche per gli jonici 

La gara inizia con il minuto di silenzio per ricordare il preparatore atletico del Crotone, Sergio Mascheroni, ex Foggia con Stroppa in panchina.

Kourfalidis gioca a destra e Di Masi a sinistra nel Foggia che, a sorpresa, schiera Gibilterra (ultimo arrivato) nei 5 di centrocampo con chiara libertà di spingere (è un attaccante). Insieme a Cittadino forma una coppia di interni molto offensivi. Spesso Gibilterra si spinge in avanti sull’out di sinistra offrendo una soluzione in più ai rossoneri.

Il primo tiro è di Stefano Manzo al 9′ ma la palla è altissima.

Azione sospetta al 13′ con Iadaresta che in allungo anticipa Allegrini, il contatto resta molto dubbio. Nell’azione si fa male Allegrini (segno che il contatto c’è stato) ed esce per lasciare spazio a Oggiano. Benvenga va sulla linea dei 3 difensori.

Al 17′ Iadaresta di testa, poi Genchi con un tiro d’esterno, attenti i due portieri.

Al 21′ Genchi ci prova al volo, ma la palla termina fuori.

Al 27’ Matute si incunea nella difesa rossonera e calcia debolmente, trovando bene a terra la parata di Fumagalli.

Al 40′ ammonito Tortori per simulazione in area, anche se il contatto sembrava quantomeno dubbio.

Al 42′ Cittadino manda la palla in area su punizione, la parabola è insidiosa ma nessuno riesce a gettarla in rete.

Il primo tempo termina dopo un minuto di recupero con pochissime emozioni da segnare sul taccuino.

Negli spogliatoi espulsi il centrale del Taranto, Luigi Manzo e il tecnico del Foggia, Ninni Corda.

Gentile e Campagna in campo ad inizio ripresa per il Foggia.

Genchi pericoloso al 47′ ma la palla termina al lato.

Al 52′ tiro di Kourfalidis fuori misura, dopo azione manovrata del Foggia.

Al 70′ Tortori cerca qualcosa a metà tra il cross e il pallonetto al portiere del taranto, che però è attento e para tranquillamente. Sugli sviluppi del corner mischia in area ma nessun rossonero riesce a metterla dentro.

All’82’ palo di Tortori ma quando il guardialinee aveva segnalato un fuorigioco, azione nulla. Il lampo decisivo al 95’, con Tortori che approfitta di un errore difensivo di Matute e insacca il gol vittoria. Una vittoria dettata più dalla grinta che da altro.

TABELLINO  – FOGGIA-TARANTO 1-0

FOGGIA – Fumagalli; Cadili (72′ Di Jenno), Viscomi, Anelli; Di Masi, Cittadino (46′ Gentile), Salvi (73′ Gerbaudo), Kourfalidis (81′ Cannas); Tortori, Iadaresta, Gibilterra (46′ Campagna). A disp. Di Stasio, Russo, Staiano, Delli Carri All. Ninni Corda.

TARANTO – Sposito; De Caro, L. Manzo, Allegrini (17′ Oggiano); Benvenga, Matute, S. Manzo, Cuccurullo (83′ Marino), Ferrara; Genchi (73′ Croce), Favetta (66′ Galdean). A disp. Giappone, Pelliccia, Riccio, Ouattara, D’Agostino. All. Nicola Ragno

 

MARCATORI –  95’ Tortori (FG)

AMMONITI – 8′ Cadili (FG), 16′ De Caro (TA), 29′, Viscomi (FG), 40′ Tortori (FG), 60′ Cuccurullo (TA), 88′ Di Jenno (FG), 

ESPULSI – Negli spogliatoi al termine del primo tempo L. Manzo (TA) e Ninni Corda (ALL. FG)

FUORIGIOCO – 4-1

CALCI D’ANGOLO – 4-2

TIRI IN PORTA – 2-1

TIRI FUORI – 1-4

ARBITRO – Andrea Calzavara di Varese

ASSISTENTI – Michele Rispoli di Locri e Marco Barberis di Collegno

RECUPERO – 1′ – 5’