Sconfitta immeritata per la Virtus Andria sul campo della Virtus Molfetta. Le reti tutte nella prima frazione di gioco.

 

Terza giornata del campionato di Prima Categoria pugliese girone A, anticipo mattutino al “Paolo Poli” di Molfetta tra i padroni di casa della Virtus Molfetta e la Virtus Andria.

I padroni di casa reduci dalla sconfitta di domenica scorsa in quel di Ordona contro la Nuova Daunia Foggia cercano il riscatto contro una Virtus Andria che dopo aver pareggiato la prima in trasferta con il Soccer Modugno, ha perso ma non demeritato tra le mura amiche del “Fidelis” contro la Sly United.

Mister Sinisi per gli andriesi ritrova Simone tra i pali dopo la squalifica e nel 4-2-3-1 iniziale trovano spazio, Vincenzo Abruzzese (all’esordio) come terzino destro, Antonio Addario come difensore centrale al fianco di Pasculli e D’Ambrosio schierato nel ruolo di esterno d’attacco.

La prima occasione da rete del match è per la squadra di Nico Mininni con il colpo di testa dopo azione d’angolo di capitan De Candia ma Simone gli dice di no.

La gara scorre via abbastanza piacevole ma non spettacolare.

Al 30’ la Virtus Andria passa in vantaggio grazie ad un colpo di testa di Domenico Amorese che sfrutta un suggerimento di Quacquarelli da destra e mette dentro indisturbato in arra battendo Amato.

I molfettesi non ci stanno e trovano il gol del pari al 35’ grazie a Binetti che con un sinistro da fuori sorprende Simone e sigla il classico gol della domenica per l’1-1.

Un minuto dopo lo stesso autore del gol de pari esce dal campo per infortunio, al suo posto Porcelli.

La rete subita scuote gli ospiti che al 37’ vanno vicinissimi al pari con Quacquarelli in quale arriva in area di rigore e calcia in porta ma il suo destro termina sul palo alla sinistra di Amato.

Sfortunata la Virtus Andria che nel capovolgimento di fronte al minuto 38 rischia: Palermo arriva al tiro ma Simone para splendidamente deviando la sfera in corner.

Ancora Virtus Molfetta al 44’ con Bavaro che impegna Simone con un destro però non pericoloso.

La squadra di Mininni insiste e trova il vantaggio su palla inattiva: da corner battuto da sinistra la sfera arriva in mezzo dove interviene in spaccata Tesoro che fa secco Simone e porta sul 2-1 i suoi.

Il primo tempo termina con la Virtus Molfetta in vantaggio di misura e tre reti in totale nel match nell’arco di 15 minuti.

La seconda frazione di gioco vede una Virtus Andria determinata alla ricerca del pari.

Al 54’ è Quacquarelli a sfiorare il pari con un gran sinistro da fuori deviato in angolo da un prodigioso intervento di Amato.

Il match è a tratti sonnacchioso grazie alla Virtus Molfetta che cerca di addormentare le fasi dell’incontro e con la Virtus Andria che cerca il pari e al minuto 86 è ancora il portiere locale Amato a fare il fenomeno prima parando la prima conclusione di Montrone e poi dicendo di no anche ad Amorese sulla respinta in un’azione concitata in area di rigore.

Al 92’ ancora Quacquarelli per gli ospiti con un velenoso destro da fuori deviato in angolo da uno strepitoso Amato ma il risultato non cambia più.

Termina 2-1 per la Virtus Molfetta e la Virtus Andria esce sconfitta immeritatamente da un incontro alla quale forse anche il pari le sarebbe andato stretto.

Un match strano risolto da un eurogol e da una rete da palla inattiva sulla quale la difesa andriese poteva fare di più.

Per il resto, soprattutto nel secondo tempo la gara l’hanno fatta gli uomini di Sinisi che però devono recriminare per non essere stati lucidi sotto porta e che hanno dovuto fare i conti con il legno colpito da Quacquarelli nel primo tempo e soprattutto con Amato, portiere della Virtus Molfetta in un vero stato di grazia e che in almeno tre occasioni ha detto di no agli attaccanti biancoazzurri.

La Virtus Molfetta dopo un buon primo tempo, nella ripresa ha amministrato senza mai pungere veramente dalle parti di Simone ma fatto sta che porta a casa i 3 punti e la seconda vittoria interna consecutiva salendo a quota 6 punti in classifica.

La Virtus Andria continua a ricevere consensi in fatto di gioco ma la realtà dice che in classifica si è soltanto ad un punto conquistato e la seconda sconfitta consecutiva di certo fa male.

Nella prossima giornata la Virtus Molfetta sarà di scena a Palese contro l’Ideale Bari mentre la Virtus Andria dovrà necessariamente cercare i 3 punti nel match interno del “Fidelis” contro la Gioventù Calcio Cerignola.

 

 

VIRTUS MOLFETTA vs VIRTUS ANDRIA 2-1

 

VIRTUS MOLFETTA: Amato, Binetti (36’ Porcelli), De Gennaro S., De Candia, Tesoro, Di Pinto, Mininni M. (56’ De Gennaro G.), Palermo (59’ Germinario), Bavaro, Murolo (68’ De Cesare), Belsito (86’ Fiorentino).

A disposizione: Xhafaj, Favarò, Cusanno, Cusumano. All. Nico Mininni

 

VIRTUS ANDRIA: Simone, Abruzzese (62’ Civita), Cardinale (91’ Troia A.), Addario S., Addario A., Pasculli, D’Ambrosio (74’ Montrone), Amorese, Fiore (56’ Troia F.), Quacquarelli, Capozza.

A disposizione: Campanile, Di Chio, Cipri. All. Cosimo Sinisi

 

ARBITRO: Nicolae Cosmin Dediu della sezione di Foggia

 

MARCATORI: 30’ Amorese (VA), 35’ Binetti (VM), 45’ Tesoro (VM)

 

NOTE: ammoniti: De Candia, Mininni M., Belsito (VM), Capozza, Pasculli (VA)

 

 

 

ALESSANDRO POLICHETTI