FIGC, Costacurta: "In Serie C le seconde squadre dei club di A"

346

Una svolta epocale si fa spazio nel mondo del calcio italiano. A presentarla è il subcommissario della FIGC Alessandro Costacurta, che, alla rivista Undici, ha confermato le voci che circolavano da qualche settimana, riguardanti l’introduzione delle seconde squadre dei club di Serie A, le quali, dal prossimo anno, potranno competere nel campionato di Serie C.

Di seguito le parole di Costacurta a Undici: “Dal prossimo anno i club di Serie A potranno avere delle seconde squadre, e le portano iscrivere ai campionati di Lega Pro, occupando i posti delle società che non si iscriveranno. Quest’anno non ci saranno ripescaggi e i buchi saranno occupati proprio dai club che aderiranno al bando“. Spazio anche per i criteri di iscrizione da soddisfare: “Le squadre B saranno composte di calciatori under 21, con la possibilità di introdurre due fuori quota under 23 e dovranno avere in rosa un numero minimo di giocatori (ancora da definire) convocabili per le Nazionali italiane. Le squadre parteciperanno al campionato regolarmente, con eventuali promozioni o retrocessioni. C’è un’unica limitazione: non potranno mai giocare nel campionato della prima squadra”.
Aggiornamento: poche ore più tardi giunge la rettifica del presidente della Serie D Gabriele Gravina, il quale annuncia che l’iniziativa riguardante le seconde squadre avrà inizio dal 2019-20 e, dunque, durante la stagione corrente potranno essere effettuati ripescaggi.