Il presidente del Casarano, Giampiero Maci, ha rilasciato un’intervista ad Attilio Palma del “Nuovo Quotidiano di Puglia”. Ecco i temi trattati:

ESONERO BITETTO – “Se la domanda è finalizzata a capire se vi siano state delle divergenze con il mister, sgombro subito il dubbio: Bitetto è e sarà per noi un esempio di professionalità come pochi in questo panorama. La decisione è semplicemente il frutto di una valutazione nel non voler assumere, in questo momento, impegni vincolanti lasciando, quindi, al mister la possibilità di valutare altre opportunità”.

POSSIBILE SUCCESSORE – “Ho letto tanti nomi, tutti ottimi tecnici, ma non c’è nulla di vero”.

DIRETTORE SPORTIVO – “Con Pitino abbiamo iniziato nel 2018 un progetto su base triennale, quindi resta con noi”.

PROGETTO – “Il progetto rimane, attualmente, quello di voler far bene a cominciare dal completamento delle strutture, lavoro già avviato l’anno scorso. Ora siamo concentrati su questo, poi valuteremo tutto il resto”.

COLLABORAZIONI – “Abbiamo stretto eccellenti rapporti con tante società professionistiche e non, società che ci stimano e ci rispettano e, di questo, siamo orgogliosi, perchè vuol dire che abbiamo lavorato bene raggiungendo una buona credibilità nel contesto nazionale. Tra queste società, senza dubbio, il Parma è tra le prime in ragione dei rapporti di amicizia e stima che ci legano ai loro dirigenti e tecnici”.

MERCATO – “E’ ancora troppo presto per parlare della rosa visto che non abbiamo ancora individuato la guida tecnica”.

MINCICA – “Con Mincica non c’è alcun bisogno di parlarci, malgrado qualcuno abbia voluto “titolare” una mancata telefonata. Sasà è consapevole di tutto ciò: ci sono tutti i presupposti affinchè rimanga a Casarano. Il legame con il calciatore è forte e, anche lui, è contento di continuare con noi”.