E’ super Bitonto in Cilento, vince e convince

143
Grande prova di maturità del Bitonto, che nell’ostica trasferta sul campo della Gelbison passa per 2-0 al “Morra” di Vallo della Lucania: prestazione convincente degli uomini di mister Pizzulli, che strappano tre punti di fondamentale importanza contro un avversario scorbutico e su un campo dove non tutti avranno vita facile.
Esordio positivo per la nuova terza maglia gialla, che riprende lo storico leone, segno di identità della città e dei tifosi bitontini tutti. Quella del Bitonto è una vittoria necessaria sia per la classifica che per prendere piena consapevolezza dei propri mezzi: si tratta del terzo successo consecutivo, che allunga a sei la striscia di risultati utili. E i benefici si riversano tutti su una classifica sempre più bella: 26 punti, terzo posto con il Taranto, e se il distacco dalla capolista Picerno resta invariato di sei lunghezze, si accorcia quello con Cerignola secondo, ora avanti solo due punti.
Mister Pizzulli non cambia l’assetto dei suoi riproponendo il 4-4-2, in cui torna in cabina di regia Fiorentino al posto di Camporeale: dunque, Figliola in porta; linea di difesa Terrevoli – D’Angelo – Montrone – Montanaro; a centrocampo, Turitto – Biason – Fiorentino – Paradiso; in avanti la coppa Picci – Patierno.
Dopo una prima fase in cui le due squadre si studiano a vicenda, il Bitonto si fa vivo dalle parti del portiere di casa D’Agostino con Picci, la cui conclusione dalla distanza si spegne di poco sul fondo. AL 26’ risponde il Gelbison con Esposito, che in area di rigore calcia col destro rasoterra esaltando i riflessi felini di Figliola, bravo a distendersi sulla sua destra e a sventare la minaccia. Dopo due minuti Picci ci prova direttamente da calcio di punizione, ma la sua traiettoria leggermente deviata consente a D’Agostino di bloccarla non senza affanni.
Al 29’ svolta nel match: Terrevoli lancia immediatamente in profondità per Patierno, che scappa via verso la porta avversaria e viene placcato da Ferraioli, che lo stende lanciato a tu per tu con D’Agostino. Per l’arbitro Cecchin è inevitabilmente rosso diretto per fallo da ultimo uomo.
Il Bitonto rischia qualcosa sulla punizione velenosa di Cammarota, che anche sfruttando il terreno reso viscido dalla pioggia, prova a sorprendere Figliola, a cui sfugge inizialmente la sfera ma poi è bravo nel recuperare palla e posizione. Dopo lo spavento, però, i bitontini aumentano i giri e al 3’ sfiorano il vantaggio con Biason, che ci prova dal limite dell’area col destro, trovando l’attenta risposta di D’Agostino, che devia in angolo. Al 43’ ancora Bitonto, con Turitto liberato in area sulla destra da Biason, a tu per tu con il portiere di casa, ma l’esterno bitontino spara addosso al numero uno proteso in uscita. Il gol è però nell’aria e arriva nel secondo dei tre minuti di recupero: corner dalla destra di Fiorentino, in area svetta più in alto di tutti Montrone, che di testa supera D’Agostino e fa 0-1 Bitonto all’intervallo.
Ripresa. Gli uomini di mister Pizzulli controllano e provano a chiudere la gara senza rischiare nulla, ad eccezione di una conclusione di Merkaj alta sopra la traversa e di un calcio di punizione, fuori di poco, di Uliano.
Al 65’ Biason ci prova dal limite col destro ma il portiere avversario devia in angolo. Dopo cinque minuti altro episodio chiave: Esposito riceve il suo secondo cartellino giallo e lascia la Gelbison in nove uomini. Ed il Bitonto, sornione, cinico e letale, prova ad approfittarne: Patierno spreca una ghiotta opportunità, provando a servire il neo entrato Falcone invece di concludere a rete da ottima posizione. Ancora Patierno e Falcone sono protagonisti al 75’, con una doppia occasione: il primo prova a superare D’Agostino con un pallonetto, il secondo con un destro a giro sul secondo palo, trovando la respinta disperata di un difensore campano. È il preludio al raddoppio, che giunge inevitabile al minuto 81, con Patierno, il quale involato a rete da un perfetto lancio di D’Angelo, mantiene freddezza e lucidità necessarie per battere D’Agostino in uscita con un perfetto diagonale rasoterra. 0-2 Bitonto.
Negli ultimi minuti il Bitonto gioca in scioltezza: al 90’ Falcone, servito da Patierno, calcia centralmente dal limite dell’area. L’ultimo sussulto vede protagonista Padulano, bravo a liberarsi alla conclusione in area di rigore e col destro coglie l’incrocio dei pali.
Al fischio finale è festa Bitonto assieme al centinaio di tifosi circa giunti dalla capitale dell’olio: i ragazzi di mister Pizzulli volano sempre di più e sognano ad occhi aperti. Ed ora, mercoledì, serve continuare a viaggiare forte: nel turno infrasettimanale, il Bitonto ospita al “Città degli Ulivi” i lucani del Francavilla dell’ex Lavopa. Non si può sbagliare se si vuole sognare.
14^ GIORNATA CAMPIONATO SERIE D – GIRONE H GELBISON – BITONTO 0 – 2 Reti: 47’ pt Montrone, 36’ st Patierno
GELBISON: D’Agostino, Romanelli, Maiese (14 pt Rossi), Uliano, De Angelis (34 st De Cosmi), Chiochia, Ferraioli, Esposito, Evacuo, Cammarota (34’ st Hutsol), Merkaj. A disp. Viscido, Mejri, Tandara, Passaro, Pipolo, Angiolillo. All. De Felice
BITONTO: Figliola, Terrevoli, Montanaro, Biason (32’ st Camporeale), Montrone (c), D’Angelo, Paradiso (18’ st Zaccaria), Fiorentino, Patierno, Picci (18’ st Falcone), Turitto (34’ st Padulano). A disp. Vitucci, Anaclerio, Di Cosmo, Piarulli, Schena. All. Pizzulli
Arbitro: Cecchin (Bassano del Grappa) coadiuvato dagli assistenti Pedroni (Schio) e Paggiola (Legnago) Ammoniti: Romanelli, Maiese, Rossi (G), Figliola, Biason, Turitto, Zaccaria (B) Espulsi: Ferraioli al 29’ pt (rosso diretto) per fallo da ultimo uomo e Esposito al 25’ st per doppia ammonizione.