La Rutiglianese serve la manita all’Apricena.

In spolvero Dipierro e Ferro con una doppietta ciascuno

402

Pronto riscatto per la Rinascita Rutiglianese che, dopo lo stop esterno di Spinazzola, torna prontamente al successo superando, con un roboante 5-0, lo Sporting Apricena, giunto nella “Città dell’Uva” imbottito di under ma ad ogni modo voglioso di onorare, al meglio, l’impegno. In grande spolvero, nelle file dei granata, Marco Dipierro e Mirko Ferro, entrambi autori di una doppietta. Nel tabellino dei marcatori anche il centrocampista Nicola Iurlo, al primo sigillo in stagione.

Mister Colucci riconferma l’assetto tattico delle ultime uscite – vale a dire il 4-3-3 – inserendo Partipilo, nel cuore della difesa, al fianco di Lofano, avanzando D’Addiego in mezzo al campo e schierando, in avanti, il tridente composto da Leti, Ferro M. e Caselli. La contesa prende avvio su ritmi nel complesso blandi conditi da molti errori in fase di impostazione su ambi i fronti. Il primo squillo è di marca foggiana: scambio nello stretto tra Salcone e Tenace con conclusione di quest’ultimo e annessa parata, comoda, di Addante. La Rutiglianese si fa viva in area ospite al 17’ con l’ispirato Caselli che, dalla sinistra, pesca Iurlo sul secondo palo: conclusione al volo fuori misura. E’ il preludio al goal che giunge, puntuale, al 25’: Dipierro, da fuori area, beffa D’Ambrosio con un tiro velenoso e porta in vantaggio i padroni di casa. Nove minuti più tardi, prove generali per il raddoppio locale. Un filtrante di Caselli diviene preda di Ferro M. che aggancia e, da posizione defilata, spara sul palo. Il centravanti granata ha più fortuna nei panni di assist-man: al 42’ la sua spizzata sugli sviluppi di corner diventa un assist per Iurlo che, tutto solo, trafigge D’Ambrosio per il 2-0. Nell’ultimo giro di lancette della prima frazione, c’è tempo per l’occasione di Leti che, al volo, non inquadra la porta. Squadre al riposo sul 2-0.

Un’istantanea della gara

Nella ripresa, la Rutiglianese gestisce sapientemente il doppio vantaggio sfruttando un vistoso calo fisico degli ospiti. A cavallo tra il 57’ ed il 58’, Tanzella arma, per ben due volte, il colpo di testa di Bux che, in ambe le circostanze, termina di poco alto sulla traversa. I locali flirtano col tris al 64’, allorquando è solo la bandierina dell’assistente a negare la gioia del goal a Ferro M. Terza rete del pomeriggio che arriva, ad ogni modo, centoventi secondi dopo: Leti scarica per Dipierro che, da posizione proibitiva, si inventa una splendida pennellata che non lascia scampo a D’Ambrosio per il 3-0. Sesto goal in campionato per il centrocampista classe 1998. L’Apricena si affaccia dalle parti di Addante al 70’ ma il tiro di Salcone è facile preda dell’estremo di casa. Nel finale sale in cattedra Mirko Ferro che, in un minuto, timbra due volte il cartellino: sfruttando, prima, una preziosa assistenza di Bux e risolvendo, poi, una mischia in area foggiana. Cinquina e applausi, convinti, del “Comunale”. La Rutiglianese conquista un prezioso successo con dedica speciale annessa: al dirigente granata Piero Cinquepalmi – scomparso ad inizio anno – nel giorno del suo compleanno.

RINASCITA RUTIGLIANESE – SPORTING APRICENA 5-0 (2-0 p.t.)
25’ p.t. Dipierro, 42’ Iurlo, 21’ s.t. Dipierro, 32’ 33’ Ferro M.

RUTIGLIANESE: Addante, Tanzella, Lorusso (dal 40’ s.t. Valenzano), D’Addiego, Partipilo, Lofano (dal 11’ s.t. Bux), Leti (dal 35’ s.t. Calisi), Iurlo, Ferro M. (dal 40’ s.t. Abbatescianni), Dipierro, Caselli (dal 27’ s.t. Balde) – all. Colucci

APRICENA: D’Ambrosio, Lombardozzi, Granazio, Glave, Borazio, Falco, Soccio (dal 25’ s.t. Cursio), Tenace, Salcone, Delfino (dal 9’ s.t. Leggieri), Fatone – all. Perrone

ARBITRO: sig. Colazzo della sez. di Casarano
ANGOLI: 4-1 / 3-1
RECUPERO: – / +3
AMMONITI: Dipierro (RR), Tenace (SA), Caselli (RR), Borazio (SA)

Responsabile comunicazione
Michele Rubino