Il tornado Audace Cerignola si abbatte sulla Fidelis Andria, termina 6 a 3 per gli ofantini

1219

Dopo otto risultati utili consecutivi, il Cerignola torna a giocare al “Monterisi” in uno dei tanti derby pugliesi contro l’Andria di Favarin (squalificato).A rompere subito gli indugi è la squadra di casa che tenta il colpo al 3’: Marotta con un cross basso taglia tutta l’area, la palla arriva a Sansone che da pochi passi spara addosso a Segantini. All’8 il Cerignola riesce a sbloccare il risultato: Marotta lancia sulla fascia Celentano che imbecca con un traversone basso Rodriguez, l’attaccante cubano facilmente deposita alle spalle di Segantini. Un minuto più tardi ancora Rodriguez potrebbe raddoppiare: scavetto all’estremo difensore ospite in uscita, la palla lentamente scivola verso Marotta che incredibilmente a porta sguarnita, cincischia, permettendo alla difesa sveva di recuperare. Al 18’ con un lancio da centrocampo Coletti pesca Marotta che si coordina e con una mezza rovesciata deposita per la seconda volta la palla alle spalle del portiere ospite. Neppure il tempo di esultare che Rodriguez triplica, il numero nove dell’Audace da sottomisura con una conclusione di potenza batte sul primo palo il portiere svevo.La partita sembra chiusa, invece al 33’ uno svariane difensivo riapre la partita: Syku non si capisce con Sarri, interviene Palazzo che batte il portiere ofantino accorciando le distanze, nell’occasione il difensore dell’Audace si infortuna e viene sostituito da  Rosania. Un minuto più tardi De Cristofaro con uno splendido esterno da fuori area, mette i brividi ai biancoazzurri, scheggiando la traversa. Al 39’ Rosania in netto ritardo su Palazzo lo atterra, per l’arbitro ci sono gli estremi  per il penalty che dagli undici metri Johnson non sbaglia. La partita è bella, continui i capovolgimenti di fronte, ancora DeCristofaro dal limite alto dell’area chiama in causa Segnatini, che con la mano di richiamo mette in angolo, sugli sviluppi, Rosania si  fa perdonare  l’errore precedente, depositando la palla in rete di testa, si chiude così uno scoppiettante primo tempo che all’attivo vede ben sei reti nel complesso.

Al 47’ il Cerignola fa cinquina, Rodriguez brucia sul filo del fuorigioco un suo diretto avversario, mette la palla al centro dell’area per l’accorrente Longo che con il piattone deposita in rete. Il Cerignola non è pago, continua ad attaccare, illuminato da un ottimo De Cristofaro, Longo al 66’ colpisce la seconda traversa di giornata, con una perfetta incocciata su cross di Celentano. All’82 la Fidelis si rifà sotto, Johnson salta Russo, mette al centro per  Strangers che batte Sarri per la terza volta. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, De Cristofaro da fuori area tenta la conclusione dalla distanza, battendo con un eurogol per la sesta volta Segantini. Loiodice tenta la gioia personale all’88: dopo aver messo a sedere il difensore, tenta una conclusione a giro dalla distanza, Segantini si oppone con la mano di richiamo. Termina così l’incontro 6 a 3, un incontro dominato dal primo all’ultimo minuto dal Cerignola, con il risultato odierno gli ofantini riescono a recuperare due punti a Bitonto, Foggia e Sorrento, uscite dai rispettivi incontri con un pareggio.

Matteo Bancone

TABELLINO

AUDACE CERIGNOLA VS FIDELIS ANDRIA 6 -3: 8’ Rodriguez, 18 Marotta,21 Rodriguez, 33’Palazzo, 39’ Johnson (rig), 43’ Rosania,47’ Longo 82’ Strangers, 83’ DeCristofaro

AUDACE CERIGNOLA: Sarri, Celentano, Russo, DeCristofaro(84’ DeCristofaro), Longhi Syku(33’Rosania),Longo(71’ Caiazza), Coletti, Rodriguez, Marotta(65’ Loiodice), Sansone(60’Di Cecco). A disp: Tricarico,Tancredi, Muscatiello,Alfarano, Martiniello All. Feola

FIDELIS ANDRIA: Segantini, Sambou(57’Stangers), Iannini, Jhonson, Nives(57’Zingaro), Forte, Palazzo(76’Tedesco), D’orsi, Piperis (51’Petruccelli), Lanzolla, Nannola. Adisp:  Volzone, Sevicik, Daluiso, Casella,Klepo, TedescoAll. Langella

Arbitro: Campobasso (Formia) Spagnolo (R.Emilia) Maiorino (Nocera Inferiore.)

AMMONITI: Lanzolla, Palazzo(Andria) Coletti (Audace Cerignola)

ESPULSI: