La posizione dell’ASD San Marco nelle parole del presidente Aniello Calabrese

363
Il presidente del San Marco, Aniello Calabrese

Da alcune settimane siamo bombardati di messaggi e di richieste di aggiornamenti da parte di centinaia di amici e sostenitori preoccupati per il futuro dell’Asd San Marco. Abbiamo chiesto al presidente Aniello Calabrese di rompere il silenzio ed ecco le sue dichiarazioni.
“Capisco perfettamente la preoccupazione dei molti amici e sostenitori che da sempre ci sostengono e vorrebbero vederci nuovamente carichi per ripartire a prescindere dalla categoria, ma ci sono delle considerazioni che dobbiamo necessariamente fare.
Ci è stata tolta la possibilità di provare a salvarci sul campo e senza mezzi termini scaraventati in Promozione.
A livello regionale non abbiamo avuto nessuna rassicurazione di poter ripartire dall’Eccellenza, ma soltanto la risposta di fare domanda di ripescaggio e poi si vedrà.
Questa condizione ci tiene con le mani legate, non ci permette di programmare e ci toglie l’entusiasmo necessario per affrontare nuove sfide.
Molti di noi non hanno più voglia di fare sacrifici per partecipare al campionato di Promozione, viceversa potrebbe alimentarsi nuovamente la fiammella se fossimo riammessi in Eccellenza.
Per conquistare questo titolo abbiamo speso soldi, fatto enormi sacrifici e sottratto tanto tempo alle famiglie, non possiamo perderlo con un tratto di penna solo perchè qualcuno si è svegliato una mattina e così ha deciso. Non riesco ancora a capacitarmi che sia successo veramente.
È un’ingiustizia senza precedenti che non accetterò mai, come non accetterò che non venga cambiato il format per permetterci di rientrare in Eccellenza, se questo non avverrà vuol dire una cosa sola, che l’Asd San Marco non è gradita e quindi perchè continuare in Promozione in Puglia?”.