Dopo il presidente del Brindisi, Umberto Vangone, anche il numero uno del Nardò, Salvatore Donadei, si è espresso in termini negativi circa la possibilità di ripresa del campionato di Serie D.

Al Nuovo Quotidiano di Puglia Donadei si è detto convinto del fatto che “nessuna società riuscirà a sostenere le spese che prevede il protocollo. Siamo arrivati a metà maggio e ancora siamo incerti riguardo al futuro, ma soprattutto perplessi. Credo sia opportuno e necessario terminare qui il campionato, per capire anche cosa accadrà per la questione retrocessioni e promozioni”.

Sulle soluzioni da adottare in conseguenza dello stop definitivo del campionato, il presidente del Nardò è dell’idea che vadano promosse in serie C le prime di ogni girone e bloccate le retrocessioni in Eccellenza.