Si è svolta mercoledì sera 11 settembre a Manfredonia, in un clima di profonda amicizia e cordialità, la VII edizione della kermesse sportiva dedicata ai talenti della provincia di Foggia.

Una degna cornice di pubblico si è raccolta nell’elegante sala del LUC di Manfredonia, partecipando emotivamente al grande evento istituzionale ideato ed organizzato da Stefano Favale e Matteo Mancini.

I campioni di vita e sport sono stati scelti, come sempre, in relazione a diversi criteri di valutazione tra i quali l’educazione e il rispetto, requisiti essenziali per ambire al prestigioso riconoscimento.

Stefano Favale, coadiuvato da Marilena Guerra e dalla Miss Gala dello Sport 2019 Martina Pia Miucci, ha salutato in apertura il pubblico presente, gli amici sponsor e l’A.M.A. per il patrocinio morale della manifestazione.

Forti emozioni da subito con il Premio alla Memoria “Prof. Italo Caratù” , ricordato in questa edizione in particolar modo per la sua straordinaria capacità organizzativa degli eventi, di risonanza nazionale. Presente la moglie Anna Maria Spagnuolo che ha consegnato il premio a Matteo Capriati.

A seguire una novità, ovvero l’introduzione del Premio alla Cultura e Letteratura la cui scelta è ricaduta sulla talentuosa manfredoniana Elisabetta Grilli, autrice del libro di successo “Mozzo…per sempre!” storia autobiografica dell’amore incondizionato per il suo gattino (Mozzo), ampiamente ricambiato e pertanto emotivamente coinvolgente agli occhi del lettore. Premio consegnato da Matteo Mancini.

Premio Categoria Team per la Società Ginnastica Gymnasia di Federica Iantosco, accompagnata da alcune allieve. La perseveranza, la professionalità e i tanti successi a livello nazionale ottenuti nell’arco dell’ultima stagione non sono passati inosservati. Il premio è stato consegnato dalla giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno Annamaria Vitulano.

Il momento più emozionante e applaudito dell’intera serata è stato senza dubbio rappresentato dal Premio alla Memoria di Dino Della Torre, una grande persona che ha lasciato un vuoto incolmabile in tutti noi. Il Vicepresidente del Consiglio Regionale della Regione Puglia, l’Avv. Giandiego Gatta, lo ha ricordato in modo encomiabile tra gli applausi scroscianti del pubblico e consegnato alla moglie Tiziana una targa del Consiglio Regionale della Regione Puglia.

E’ stato poi il turno di Raffaele Castriotta, per la Categoria Sociale. Ha saputo trasformare la sua passione per l’atletica leggera in un’opportunità di crescita per tanti giovani e talentuosi corridori manfredoniani, tra i quali Dario Santoro ad esempio. Atleta ed educatore dunque, premio meritato e consegnato da Matteo Mancini.

Premio Categoria Team anche per la SSD Giuseppe Angel. Promozione in Serie C Gold, massima serie regionale, e successi nei settori giovanili con l’Under 18 GOLD e l’Under 14 SILVER. Sul palco il Presidente Loredana Lillo, il coach Gianpio Ciociola ed alcuni cestisti delle giovanili. A premiare sul palco il Presidente dell’A.M.A. Raffaele Fatone.

Premio alla Memoria “Prof. Aldo Pizzigallo”, il secondo premio istituzionale è stato consegnato dai nipoti, la Prof.ssa Lily Quitadamo e Antonio Pizzigallo a Franco Grasso. Sono stati ricordati in particolare il suo profondo amore per il Manfredonia Calcio, la sua professionalità, il suo stile ed i valori trasmessi ai giovani.

Infine meritatissimo il riconoscimento al “Dipartimento Prevenzione ASL di Foggia” per la Categoria Sociale. L’ente è meritevole di lode per gli interventi assistiti a favore delle persone più svantaggiate affette da diverse disabilità avvalendosi di animali (Pet therapy e Ippoterapia).

Sul palco il Vicepresidente della “Sitizzo Equestre” Alfonso Morrone e il Presidente dell’Associazione “Centauro” la Psicologa Anna Palumbo. Premio consegnato da Matteo Mancini.

Assente giustificato Giuseppe Di Bari, per lui il Premio al Talento Sportivo. Seguirà cerimonia privata per la consegna del meritato riconoscimento.

Brillanti come sempre le performances della cantante Aryanna La Torre e del Gruppo Folk Sipontino di Tommaso Pellegrino.

Appuntamento alla prossima edizione!

Stefano Favale