Apre il bigmatch tra Brescia e Palermo, chiude Crotone-Pescara. Di mezzo varie sfide playoff e salvezza. A Padova 1200 tifosi del Foggia per spingere i rossoneri verso la permanenza

Un big match di alta classifica e uno per la salvezza. La 24esima giornata del campionato di Serie B propone due scontri di grandissimo spessore. Brescia-Palermo è il big match per eccellenza, la prima contro la seconda, la nuova capolista (da una settimana), contro la squadra spodestata dal trono dopo mesi di leadership, la miglior difesa (Palermo 18 gol subiti) contro il miglior attacco (Brescia 49 gol). Sarà anche festa per i due tecnici con Corini che torna a Palermo da avversario dopo aver guidato i rosanero per ben 146 partite e con Stellone che, proprio a Palermo, tocca le 200 panchine tra i pro. Anche Padova-Foggia non scherza. Giornata pro-Padova per i biancoscudati, oltre 1200 tifosi per i rossoneri che, come al solito, riempiono gli stadi nelle varie trasferte. Ed anche in questa, dove la squadra di Padalino cerca la vittoria per rimettersi in carreggiata verso la salvezza. Il percorso sarà lungo, come ha ammesso lo stesso tecnico, ma è impensabile un obiettivo diverso per una squadra e per una società come il Foggia, tornato in B da due anni dopo 19 passati negli inferni della C (un anno anche in D).

Nella giornata di domani, sabato 16 febbraio, alle 15 anche Benevento-Cittadella (altra sfida suggestiva per i playoff con i sanniti che non perdono da 7 gare e i veneti che hanno segnato in una sola gara delle ultime 6) e Carpi-Perugia, mentre alle 18:00 incroceranno le armi Ascoli e Salernitana, ancora non sicure della permanenza anche se in acque maggiormente tranquille rispetto a chi occupa le ultime 5 posizioni.

Tra queste il Livorno, fresco di vittoria sul Cosenza, che va a Lecce domenica alle 15:00 in una sfida proibitiva alla vigilia, anche se i toscani non perdono da 8 gare. In contemporanea Cosenza-Cremonese, con i grigiorossi che vanno benino in casa, ma non hanno mai vinto fuori e con i padroni di casa che rappresentano la prima “preda da azzannare”, per chi cerca di uscire dai playout (vedi Foggia e Livorno). Cosenza che, peraltro, non vince in casa dal 1 dicembre, ma ha vinto a Venezia prima della sosta post-natalizia. Domenica sera, alle 21:00, Spezia-Verona, altra sfida playoff e il posticipo del lunedì è affidato a Crotone-Pescara.

Fabio Lattuchella