Grande prova dei biancoazzurri che battono la quotata Soccer Modugno e respirano in zona salvezza.

 

Tredicesima giornata del campionato di Prima Categoria pugliese girone A, al “Sant’Angelo dei Ricchi” di Andria si sfidano i padroni di casa della Virtus Andria e la Soccer Modugno.

Ultima gara interna del 2019 per i biancoazzurri di casa orfani di mister Troia dimessosi in settimana che sono guidati in panchina dal Responsabile tecnico Vito Fanelli e vogliono riscattarsi dopo la brutta sconfitta subita domenica scorsa a Molfetta contro la Virtus ma che allo stesso tempo vogliono confermarsi dopo la vittoria convincente di giovedì scorso in Coppa Puglia contro la Ruvese che è valsa la qualificazione agli Ottavi di finale.

Diverse le indisponibilità nelle fila dei biancoazzurri di casa.

Contro c’è una squadra la Soccer Modugno di mister Ranieri, al quinto posto e lanciata verso una posizione playoff.

Ne viene fuori una gara tutta grinta e determinazione degli andriesi che disputano una prima frazione di gioco propositiva e davvero encomiabile.

4-2-3-1 il modulo scelto dai padroni di casa che nelle prime battute di gioco soffrono la buona organizzazione in campo degli ospiti.

Al 3’ il Modugno colpisce il palo con Corallo che servito in area da sinistra calcia col destro ma incoccia il montante.

La Virtus risponde al 14’ con un calcio di punizione di Loconte respinto dal portiere ospite Sciannimanico.

Un minuto dopo a provarci è Francesco Troia per i biancoazzurri ma il suo destro termina alto oltre la traversa.

Al 24’ arriva il vantaggio andriese con il solito Domenico Amorese che si invola dal vertice sinistro e appena entrato in area fulmina Sciannimanico con un destro chirurgico.

Gli ospiti cercano la reazione ma la Virtus è concentrata e determinata e al 45’ si vede assegnare un calcio di rigore (il primo stagionale in campionato) per un fallo di mani in area di un difensore ospite.

Dal dischetto è freddo Donato Loconte che calcia forte la sfera che incoccia entrambi i pali e poi termina in fondo al sacco.

2-0 e prima in rete in campionato per l’esperto centrocampista andriese.

Un minuto dopo è prodigioso il portiere biancoazzurro Zingaro a negare la gioia del gol a De Cristoforo con un colpo di reni assolutamente da applausi.

Non paga del doppio vantaggio la Virtus al 47’ colpisce ancora con Domenico Amorese che sigla il classico gol della domenica pescando il sette da posizione siderale dopo un’azione veloce di contropiede nella quale la difesa ospite si fa trovare impreparata e col portiere uscito fuori dalla sua area su rigore.

Doppietta personale e salita a quota 7 reti in campionato per il n. 8 biancoazzurro.

Il primo tempo termina con un netto 3-0 per la Virtus Andria.

Nella ripresa mister Ranieri per gli ospiti corre subito ai ripari operando fin da subito 3 cambi nel suo scacchiere tattico.

Al 53’ però gli ospiti restano in 10 uomini per il rosso diretto comminato ad Antonaci reo di aver commesso fallo da ultimo uomo sul lanciato Fiore.

I padroni di casa potrebbero fare poker al minuto 58 quando Loconte imbecca Domenico Amorese libero sul versante d’attacco sinistro ma il sinistro al volo del n. 8 andriese termina di poco a lato.

La gara scivola via e la Virtus la controlla agevolmente sfiorando il quarto gol al 78’ con Troia che calcia al volo col destro ma è bravo Sciannimanico a dirgli di no.

Il match sembra finito ma al minuto 82 gli sopiti accorciano grazie al colpo di testa vincente del neo entrato Cesario che approfitta di un corner ed è lesto a battere Zingaro.

A questo punto gli ospiti ci credono e si rifanno sotto al 87’ quando il direttore di gara concede un penalty per un fallo ai danni di un attaccante in maglia rossa lanciato a rete dopo un’azione veloce.

Dal dischetto realizza Foggetti, anch’esso col brivido visto che il suo tiro forte e centrale colpisce prima la traversa e poi supera la linea di porta.

Gli ultimi minuti sono di sofferenza per la Virtus che però resta lucida e resiste portando a casa tre punti d’oro per la rincorsa salvezza.

Una vittoria meritata quella dei biancoazzurri che hanno giocato col cuore e con la grinta necessaria contro un avversario forte e mai domo.

Tre punti che portano la Virtus a quota 12 punti a +2 sulla zona playout ora al quintultimo posto.

Per i biancoazzurri domenica prossima ci sarà la trasferta di Foggia contro la Nuova Daunia Foggia in uno scontro salvezza che dirà molto prima della sosta natalizia.

Per gli ospiti una sconfitta inattesa alla vigilia e domenica prossima ci sarà ancora una trasferta contro la Virtus San Ferdinando.

 

 

VIRTUS ANDRIA vs SOCCER MODUGNO 3-2

 

VIRTUS ANDRIA: Zingaro, Zecchillo (60’ Di Palo), Montrone (89’ Nicolamarino), Loconte (63’ Nesta), Rizzi, Addario, Amorese F., Amorese D. (77’ Paradiso), Fiore, Troia, Civita.

A disposizione: Simone, Caputo, Di Palma, Di Chio, De Blasio. All. Vito Fanelli (Responsabile Tecnico)

 

SOCCER MODUGNO: Sciannimanico, Palermo (46’ Morelli), Armenise, Antonaci, Turitto (46’ Mongiello), De Virgilio (46’ Patruno), Corallo, Vilella, De Cristoforo (66’ Cesario), Foggetti, Drago (61’ Belcore).

A disposizione: Rana, Piccolino, Minervini, Lorusso. All. Michele Ranieri

 

ARBITRO: Simone Andreula della sezione di Molfetta

 

MARCATORI: 24′ Amorese D. (VA), 45′ Loconte su rigore (VA), 47′ pt Amorese D. (VA), 82′ Cesario (SM), 87′ Foggetti su rigore (SM)

 

NOTE: espulsi Antonaci (SM) al 53’ rosso diretto, Armenise (doppia ammonizione) a fine gara per proteste. Ammoniti Montrone, Amorese F., Civita (VA), Palermo, Armenise, De Virgilio, De Cristoforo (SM)

 

 

 

Ufficio Stampa Polisportiva Virtus Andria