Joseph Ekuban, attaccante classe 2000 della Virtus Francavilla, che ha debuttato con la maglia da titolare a Teramo, si è raccontato ai colleghi del Corriere dello Sport analizzando il periodo storico caratterizzato dall’emergenza Coronavirus:

“Siamo tutti ovviamente un po’ scombussolati da questa particolare vicenda, è difficile per chiunque non poter fare le cose che ci piacciono di più. E per noi calciatori è un dispiacere non poter scendere in campo. Ma la salute viene prima di ogni cosa, dobbiamo continuare ad applicare le regole, con la massima serenità e con grande ottimismo”.

Giunto in biancazzurro a gennaio, dopo una esperienza al Partizani, sul gruppo biancazzurro Ekuban ha evidenziato:

“Si ride e si scherza tanto. E quando c’è da lavorare, siamo tutti sul pezzo. Stiamo bene insieme, c’è grande affiatamento anche fuori dal campo. Ho trovato ciò che immaginavo, quello che mi era stato prospettato”.

Inevitabile parlare di idoli calcistici cui il giocatore si ispira:

“Mi è sempre piaciuto Eto’o, è lui ad avermi illuminato. Come caratteristiche fisiche, però, il calciatore a cui guardo di più adesso è Romelu Lukaku”.