Mentre gli operatori dell’informazione sono alla ricerca degli indizi e dei concreti contatti della società per conoscere il prossimo allenatore del Taranto, ci pensa Danilo Pagni a fare chiarezza. Le dichiarazioni rilasciate martedì a Studio100 sono palesi, l’allenatore è stato già scelto ma occorrerà attendere altri 15-20 giorni prima dell’ufficializzazione. Superflui, se non addirittura deleteri, perciò, altri possibili incontri che si sarebbero concretizzati ultimamente (si è parlato con insistenza di un probabile incontro fuori città tra Vincenzo Feola e un emissario della società).

Questo lasso di tempo è l’indizio che fa pensare che il nuovo trainer sia impegnato in serie C per la chiusura del campionato e che, comunque, sia sotto contratto fino a fine stagione. Di certo i tempi di attesa sono normali, d’altronde l’anno scorso a metà giugno si ripeteva che occorreva attendere i primi di luglio per avere l’ufficialità di Nicola Ragno (il tecnico venne presentato ufficialmente il 2 luglio). Reggono, quindi, le ipotesi di Rigoli e di Giacomarro, nomi che circolano da diversi giorni.

Nel frattempo, Pagni si divide tra la riorganizzazione dei rapporti tra le varie aree societarie (ieri ha avuto un colloquio con il dott. Volpe) e la conferma di alcune pedine della scorsa stagione: nonostante il campionato appena concluso sia stato disastroso sotto tutti i punti di vista, c’è la volontà di recuperare quei giocatori di alto profilo che l’anno scorso non hanno reso. Potrebbero rimanere Stefano Manzo e Leo Guaita, che avevano già espresso la volontà e la disponibilità di continuare a vestire il rossoblù: allo stesso modo si cerca nel parco under qualche conferma: è il caso di Alex Sposito (classe 2001) e del duo di centrocampo Marino e Cuccurullo (entrambi classe 2000).