friendly match

US LECCE – AC NARDO’ 2-0
Scorer: 40′ Majer, 58′ Listkowski

LECCE (4-3-3): Gabriel (35’st Viola); Zuta (35’st Pierno), Lucioni (35’st Medico), Meccariello, Calderoni; Majer (35’st Schirone), Petriccione, Henderson (35’st Macrì); Falco (35’st Travaglini), Coda (35’st Pescicolo), Listkowski (35’st Oltremarini). Coach: Allenatore Eugenio Corini.

NARDO’ (4-3-1-2): Centonze (1’st Mirarco); Palazzo (20’st Marulli), Trinchera, De Giorgi (35’st Miccoli), Spagnolo (20’st Piscopiello); Zappacosta (20’st Lamacchia), Scialpi (20’st Angelini), Cancelli (30’st Dubickas); Mengoli (30’st Valzano); Granado (30’Cuomo), Caputo (30’Lauretti).
Coach: Ciro Danucci
Indisponibili: Romeo e Potenza.

Un Nardò già in forma campionato non sfigura al cospetto del Lecce neo-retrocesso dalla Serie A.Granata che devono fare a meno degli acciaccati Romeo, Massari e Potenza, schierati col modulo ormai firmato Danucci, 4-3-1-2.Lecce in campo con un modulo quasi speculare.
Nel primo quarto d’ora c’è parecchio lavoro per Centonze. Uscita alta su spiovente di Falco, respinta su tiro ravvicinato di Coda e stato d’allerta perenne sugli attacchi giallorossi.Al 14′ Falco sfiora l’incrocio dei pali.Scampato il pericolo il Nardò si fa pericoloso. Al 17′ Scialpi impegna duramente Gabriel su calcio di punizione.Il Lecce reagisce con veemenza.Al 18′ anticipo provvidenziale di De Giorgi su Coda, due minuti dopo Centonze salva su inzuccata di Coda, al 22′ traversa di Coda con Centonze proteso in preghiera.Si va al cooling break ancora sullo 0-0.Il Nardò riprende con maggiore sicurezza grazie ad un ritmo di gioco più blando.Al 29′ Scialpi ci prende gusto e riprova su calcio di punizione dalla distanza. Pallone alto.Il Lecce non ci sta e con Coda porta lo scompiglio in area neretina.  Il suo diagonale al 39′ viene parato da uno sveglio Centonze.Ma il goal è nell’aria. Break di Falco che si incunea in area e tira, Centonze respinge ma sul pallone si avventa Majer che insacca.Il Nardò sbanda ma riesce a imbrigliare con De Giorgi e Trinchera le scorribande di uno scatenato Coda.
Nel secondo tempo cambio in porta. Mirarco prende il posto di Centonze. Danucci mantiene l’assetto titolare fino al 65′ prima di effettuare un massiccio turn over.Mirarco si oppone al 49′ su tiro di Zuta, graziato dalla traversa colpita da Listkowski ma nulla può sul tiro del polacco che lo infila al 58′ in diagonale.Il raddoppio del Lecce, il cooling break e il turn over di entrambe le compagini allentano la tensione agonistica.Nel finale da segnalare una parata di Mirarco su Falco, e una su calcio di punizione di Lucioni.Il Nardò si fa pericoloso al 78′ con Raia che impegna Viola su calcio di punizione.Pescicolo al 90′ manca il tris giallorosso.
Sicuramente un buon test per il Nardò che ha retto il confronto con un avversario fuori portata. Buone indicazioni per Ciro Danucci sia dagli under che dai senior. A pochi giorni dal primo match di campionato, che vedrà il Nardò impegnato a Sorrento,  si può contare su una squadra all’altezza di un dignitoso campionato di Serie D.