Trani – Al tanto scalpore che in questi ultimi giorni ha suscitato le dichiarazioni di Danilo Quarto, patron della United SLy Bari in merito ad uno suo concreto interessamento nel trasferire a Trani il titolo sportivo calcistico, è repentina la risposta del presidente della Vigor Trani, Mauro Lanza.

L’attuale presidente dalla prima squadra di calcio della città, la Vigor Trani, ha voluto chiarire la sua posizione, attraverso una nota informativa pubblicata tramite il profilo social ufficiale della società in merito alla vicenda che lo vedrebbe “coinvolto”.

La nota che pubblicheremo integralmente, mette in luce nel suo contenuto, la ferma posizione e convinzione di Mauro Lanza nel proseguire il suo progetto, giunto alla seconda stagione per un prossimo campionato, il terzo consecutivo nel campionato di Eccellenza, rilanciando prospettive ambiziose. E’  ferma decisione inoltre, la volontà di non lasciare la carica o di cedere le quote della società ad altra persona.

E se concretamente si dovesse giungere ad uno scenario con la presenza di una doppia squadra di calcio a Trani,  sarebbe la prima volta nella storia calcistica tranese, ma porterebbe ad una spontanea domanda: con chi si schiererebbero i tifosi in caso di un doppio confronto ?

 

Di seguito riportiamo integralmente  le dichiarazioni e la presa di posizione della dirigenza tranese attraverso la nota informativa.

**********

In merito alle notizie apparse in questi ultimi giorni su vari organi di stampa, social, televisioni private, etc ., la società Vigor Trani, in qualità e per mano del suo patron Lanza, dichiara e precisa che è sua ferma volontà rimanere in sella alla presidenza della società sportiva e che la gestione della stessa continuerà ad essere condotta dallo staff della scorsa stagione, che tanti buoni risultati ha ottenuto, e che non esistono presupposti di cessioni e/o mutazioni di sorta.

Il patron informa altresì che è sua ferma volontà proseguire nel suo progetto, potenziarne l’attuale organico per il campionato 2020/21 e valuta attentamente circa la possibilità di presentare domanda agli organi competenti, per un eventuale ripescaggio in serie D della società, tradizione consolidata della città di Trani.

 

ENZO CHICCO