Il Bari conquista la finale playoff grazie al 2-1 contro la Carrarese. Il tecnico dei pugliesi, Vincenzo Vivarini, loda la prestazione dei suoi ai microfoni di RadioBari:

“Sono molto contento perché avevamo questo obiettivo e l’abbiamo raggiunto con spirito di sacrificio. Nessuna squadra ha mai vinto i playoff facilmente, lo stop ci ha fatto perdere qualcosa ma i ragazzi stanno acquistando brillantezza. La Carrarese era molto aggressiva sul nostro portatore di palla, ci è mancato cinismo per chiudere la partita. Da questa partita dobbiamo prendere la spinta per giocare la finale con entusiasmo ed esuberanza per centrare l’obiettivo”.

I biancorossi si erano fatti raggiungere in pieno recupero ma sono riusciti a ritrovare la forza per reagire nei supplementari: “Dopo il pari della Carrarese ho pensato solo a come ricaricare i giocatori perché subire un gol nel recupero poteva distruggere qualsiasi squadra. Invece i ragazzi sono stati bravi a reagire e gli ingressi di Costa, Terrani e Simeri ci hanno permesso di chiudere la partita nei supplementari. Sicuramente sarebbe stato meglio chiuderla prima, non abbiamo gestito il vantaggio razionalmente ma forse inconsciamente sì perché in queste partite non è semplice attaccare sempre“.

Ora l’ultimo ostacolo verso la B si chiama Reggiana, con un dubbio in difesa: “Di Cesare ha avuto un fastidio muscolare, ho parlato con i medici e non dovrebbero esserci problemi per la finale. Adesso studiamo la Reggiana e vediamo se siamo più bravi noi o loro. In ogni caso, ce la dobbiamo fare.”