Ricca sala stampa al termine di Avellino-Bari, match valevole per la 10ima giornata di LegaPro e conclusosi con un pari. La gara segna l’esordio di mister Ezio Capuano sulla panchina dei lupi. Per il tecnico è anche il primo incontro con il Bari, così come per Gabriel Charpentier (3 goal) si tratta della prima marcatura tra le mura amiche del “Partenio-Lombardi”.
Il risultato è sicuramente importante – ha dichiarato Capuano – ma ancora di più lo è la prestazione, perchè abbiamo mantenuto quanto promesso alla vigilia. Abbiamo lottato, siamo stati concreti ed ordinati e dopo aver raggiunto un pareggio non certo facile, considerati anche i cambi dettati dagli infortuni, i ragazzi hanno provato a vincere la partita. Sono commosso dal loro atteggiamento, mi sento di ringraziarli”.
“Non appena è arrivato – ha detto il difensore Julian Illanes, autore del secondo goal – mister Capuano ci ha chiesto di essere uniti e compatti, e noi abbiamo interpretato la partita secondo queste richieste. Il goal? Ho sfruttato un blocco di Celjak, ho colpito il pallone di piatto e ho visto poi la palla andare dentro, bene così”.
“Io sto bene – ha invece spiegato il centrocampista Nermin Karic in merito alle sue condizioni fisiche – devo ringraziare lo staff medico che mi ha permesso di rimettermi in sesto ed ora voglio andare a 300 all’ora. Siamo stati tutti molto determinati, nei contrasti ed in generale nell’atteggiamento messo in campo. Ora dobbiamo ripeterci già mercoledì”.
Questo il commento dell’attaccante del Bari Simeri: “abbiamo preso due goal evitabili, nelle ultime partite avevamo subito un solo goal facendone 10. Senza Antenucci ci siamo sentiti tutti responsabilizzati. Da quando è arrivato Vivarini abbiamo cambiato modo di giocare, cerchiamo più palla a terra e fraseggio e ci sta dando un’identità”.
Così Vivarini sui due goal presi: “è una partita che ci farà ragionare tanto. Il primo goal è stato un errore di concetto, la difesa non ha letto e Di Cesare si è trovato solo. Il secondo goal anche poteva essere evitato, ingenuo da parte notra fare tutti quei falli al limite dell’area”.

Avellino-Bari: 2-2

Marcatori: 9′ Charpentier (A), 46′ e 63′ Simeri (B), 73′ Illanes (A)

Avellino (3-5-2): Tonti; Zullo (21′ Illanes), Morero (49′ De Marco), Laezza (67′ Palmisano); Celjak, Rossetti (67′ Karic), Di Paolantonio, Micovschi, Parisi; Charpentier, Albadoro (67′ Alfageme).
A disp.: Pizzella, Abibi, Njie, Carbonelli, Evangelista, Silvestri, Petrucci. All. Capuano.

Bari (3-5-2): Frattali; Sabbione, Di Cesare, Perrotta; Kupisz (46′ Berra), Awua (58′ Terrani), Schiavone (70′ Folorunsho), Bianco, Costa (70′ Corsinelli); Neglia (76′ Ferrari), Simeri.
A disp.: Liso, Marfella, Esposito, Floriano, Cascione. All. Vivarini.

Arbitro: Marcenaro di Genova

Assistenti: Zampese di Bassano del Grappa e Moro di Schio

Ammoniti: 15′ Perrotta, 45′ Illanes, 51′ Schiavone, 62′ Celjak, 65′ Rossetti (gioco scorretto); 79′ Di Cesare, 80′ Charpentier (comportamento non regolamentare)

Spettatori 4.612 (ospiti 659, abbonati 2.952)

Angoli 3-4

Recuperi 4′ pt e 4′ st