Presente e futuro del calcio dilettantistico pugliese.Parlano Allenatori e Presidenti.

889

La pandemia del covid-19 ha messo ko, e non poteva essere diversamente, anche il calcio dillettantistico pugliese. In tanti si interrogano sul presente e sul futuro dei campionati. A tre allenatori : Valerianio Loseto( Gravina) serie D, Sasà Maurelli (Fortis Altamura) Eccelenza, Claudio De Luca (Sly Bari), Promozione gi. A,  e al Presidente dell’Atletico Racale. Francesco Cimino, Promozione gir. B, abbiamo chiesto come stanno vivendo questo momento e cosa pensano sulla ripresa o meno dei campionati.

 Valeriano Loseto (Fbc Gravina) Serie D

1- ” Stiamo vivendo un momento drammatico. Mi sento come un leone in gabbia. Abituato a vivere a lavorare all’aria aperta, faccio fatica a stare in casa, cosa che penso anche per i miei giocatori. Cerco di tenermi in forma per quanto è possibile, continuo a studiare e a tenermi aggiornato, seguendo le videoconferenze ,sperando che questa situazione tremenda passi al più presto”.

2- “Spero,per  il bene di tutti, che non si riprenda più a giocare. Non siamo in grado di poterlo fare per le già note carenze strutturali e sanitarie. Per la serie A ,la ripresa è già difficile e complicata,  figuriamoci per noi. Sarebbe il caso, dopo che torni il sereno, che s’incominci a pensare alla prossima stagione. Un dato è certo comunque, che molti club dilettantistici saranno costretti a chiudere i battenti”.  Sasà Maurelli ( Fortis Altamura) Eccellenza.

What do you want to do ?

New mail

1- E’ un momento molto difficile, un momento che nessuno di noi immaginava di vivere. Il lavoro quotidiano e la famiglia mi aiutano a rendere meno amaro questa clausura.A tutti noi manca il campo, manca il contatto con i giocatori, con il pubblico. Rispetto  a quanto sta succedendo nelle regioni del Nord, possiamo dire che, tutto sommato, ci sta andando bene. Per il resto cerco, attraverso le videoconferenze tecniche, di ” ripassare” le lezioni. Quando passerrà avremo bisogno dell’aiuto di tutti”.
2 – Sono contrario alla ripresa dei campionati, mancano i presupposti per poterlo fare. Per salvaguardare la salute di tutti, il calcio può attendere. E’ una crisi che avrà i risvolti negativi anche per la prossima stagione. Speriamo che passi presto”.
Claudio De Luca ( Sly Bari), Promozione gir. ” A”.
1- ” Cerco di stare tranquillo in un momento veramente difficile. Ho la fortuna di vivere in campagna  con la mia famiglia, a contatto con la natura e con i miei cani. In videoconferenza sto seguendo il corso di aggiornamento  del patentino di “Uefa A”, organizzato dall’Associazione Italana Allenatori e nello stesso tempo, mi interrogo sui danni fisici, morali ed economici che questa pandemia sta provocando”.
2- Riprendere è difficile e penso che sia più giusto pensare alla prossima stagione. Mancano i presupposti dal punto di vista organizzativo, strutturale e sanitario. Teniamo conto che nelle nostre squadre ci sono molti giocatori che lavorano e quindi, quando si potrà, è giusto che pensino prima al bene delle proprie famiglie e poi eventualmente al calcio”.
Francesco Cimino (Presidente)- Atletico Racale, Promozione Gir. ” B”.
1- Penso, che tutti stiamo vivendo questo momento come mai avremmo potuto immaginare. Ci siamo imbattuti in una situazione imprevedibile e imprevista. Ha stravolto la nostra vita quotidiana e calcistica. Penso che sia preminente la salute di tutti e dopo, quando ne usciremo, si penserà al da farsi per riprendere un modo di vivere, che sicuramente sarà diverso dal passato. In questi casi bisogna essere realisti più del solito”.
2- Sarà difficile anzi impossibile che si possa ritornare in campo. Non siamo ancora alla fase “0” e penso che ci vorrà tempo per riprendersi. Dobbiano salvaguardare la salute di tutti compresa quella dei tantissimi tifosi che ci seguono domenicalmente. Eppoi, che senso avrebbe riprendere a porte chiuse. La crisi che ci ha attanagliato rende difficile il presente e il futuro. La maggior parte delle società di calcio non vivono solo di luce propria, per andare avanti hanno bisogno del sostegno economico degli sponsor, che in questo momento verrebbe a mancare a causa del “fermo” ordinato dal governo.Secondo me,ci dovrebbeso essere problemi anche per la prossima stagione. Se non si dovesse riprendere, mi auguro che il Consiglio Direttivo del Comitato Pugliese, per quanto riguarda il passaggio alla categoria superiore tenga in considerazione di alcuni fattori : primi in classifica al momento della sospensione del campionato, primi in classifica alla fine del girone di andata, primi in classifica disciplina e infine finalisti insieme alla Sly Bari della Coppa Italia di Promozione. Chiediamo e chiederemo, alla luce di tutto ciò, di essere tenuti nella giusta considerazione”.
Mimmo De Gregorio x calciowebpuglia

(Riproduzione vietata)

What do you want to do ?

New mail

What do you want to do ?

New mail