Intervistato dai colleghi di pugliasportnews, il tecnico del Nardò, Antonio Fogliamanzillo, ha parlato della crisi economica che coinvolge la serie D:

“Questo è il problema dei problemi, perchè vi sono alcuni calciatori che hanno preso il loro ultimo stipendio a dicembre, causa società che non adempiono in tempo ai pagamenti. Quest’ultimi rischierebbero di prendere il prossimo stipendio a novembre 2020. Io sono un padre di famiglia e questo è un problema molto grave. Non è facile e mi auguro che il governo dia una mano a questi ragazzi, che se non dovessero prendere lo stipendio per otto o nove mesi potrebbero andare incontro a gravi difficoltà. Non capisco come si possa andare avanti, e non sono certo che tutti i calciatori di Serie D possano trovare un impiego alternativo per percepire uno stipendio. Per quanto concerne la crisi generale, è chiaro che tutti i presidenti di Serie D hanno delle aziende, quindi il loro primo pensiero non sarà il calcio, bensì quello di rimettere in moto la loro attività e i dipendenti. Il calcio diverrà un secondo pensiero, causando così un forte ridimensionamento per circa il 50% di tutte le società dilettantistiche”.