A San Severo c’è stupore e rammarico per l’esclusione dell’Alto Tavoliere dalla graduatoria dei ripescaggi nel campionato di Serie D 2018-2019. La motivazione, apparsa nell’ultimo comitato della Lega, è da rinvenirsi nel coinvolgimento della società giallogranata in una vecchia indagine per illecito sportivo: il riferimento è alla gara Brindisi-San Severo, terminata 4-2 del 2014, ritenuta dagli organi di giustizia sportiva, una partita combinata. Il San Severo, tuttavia, pare non voglia gettare la spugna ed annunciato il ricorso con un comunicato, che di seguito riportiamo.

[sc name=”garofalo”]

L’Asd A.T.S.Severo comunica di aver appreso con vivo stupore in data odierna, dalla lettura del comunicato ufficiale num 6 del Dipartimento Interregionale, la esclusione del proprio nominativo dalla graduatoria delle società ripescabili per il completamento dell’organico del Campionato di serie D. La dirigenza sanseverese, pur rispettando la decisione assunta dal Consiglio del Dipartimento Interregionale, ma non condividendone la sostanza, ha già conferito mandato ai propri legali Casimiro delli Falconi e Giorgio Romano, affinchè questi compiano, innanzi agli organi della giustizia sportiva, ogni atto idoneo a tutelare le ragioni del sodalizio giallogranata.

A.T. S.SEVERO CALCIO