Passano i rossoneri in extremis in coppa. In dieci nel finale per l’espulsione di Anelli, vincono con una rete di Iadaresta in pieno recupero

Partiamo dalla fine, o quasi. Al 91′ Di Stasio, il portiere del Foggia, salva il risultato su un’azione del brindisino Granado, a tu per tu con l’estremo difensore rossonero. Al 96esimo, poi, l’incornata vincente di Iadaresta, che sancisce la vittoria del Foggia a Brindisi, alla prima vera uscita dei satanelli dopo il fallimento della scorsa gestione. A quel punto il Foggia era in 10, per via dell’espulsione di Anelli all’87esimo e c’era il rischio di prolungare la contesa oltre i canonici 90 minuti. Che poi non sono mai tali, perchè Iadaresta segna in pieno recupero, al 96esimo e regala la prima gioia ai propri tifosi. 200 circa, giunti da Foggia per confermare la propria fede, indipendentemente dalla categoria in cui si gioca. Foggia esplode di passione per il calcio e per la squadra della propria città.

Ora, passato il turno preliminare, sotto con il Nardò allo Zaccheria per il primo turno di Coppa Italia, domenica 25 agosto.

Fabio Lattuchella