Gravina sempre avanti, poi i rossoneri si rifanno sotto e recuperano due reti. Tripletta per Santoro del Gravina (di Lesina), per il Foggia doppietta di Anelli, partito dalla panchina

Il finale è rocambolesco. Gravina prima in 10, poi sul 3-3 in 9 contro 11, ma il Foggia non ne approfitta. Termina 3-3 la gara tra Foggia e Gravina per la quarta giornata del campionato di Serie D, con un Foggia a tratti disordinato e nel secondo tempo spinto soprattutto dalla voglia di recuperare una gara incredibilmente quasi persa.

Andando con ordine Santoro (24enne di Lesina, nato a San Giovanni Rotondo) ci mette 3 minuti a trovare la via della rete. Sarà una giornata speciale per lui, perchè ne segnerà altri due allo Zaccheria, e perchè il Foggia tornerà sotto soltanto dopo la sua sostituzione. Quando lo stesso centravanti del Gravina segnerà il gol dello 0-2 tanti mugugni sugli spalti dello Zac, che però riprende fiato al gol di Anelli, subentrato a Viscomi, infortunatosi e portato in ospedale per trauma cranico. Nel finale di primo tempo, mentre tutti attendevano il gol del Foggia, arriva il tris di Santoro. 1-3 e clima surreale nello stadio, nessuno si aspettava quanto visto nei primi 45 minuti.

Nel secondo tempo il Gravina non esce più dalla propria metà campo, ma il 2-3 arriva soltanto al 75esimo e il pareggio all’83esimo. Prima Anelli (doppietta per il difensore rossonero) sullo svarione del portiere Loliva e poi Gentile su rigore. Gravina addirittura in 9, ma il Foggia è stanco e non ne approfitta. Termina 3-3 con gli applausi delle due curve ai calciatori del Foggia che, comunque, ci hanno messo il cuore e hanno recuperato una situazione complicata.

Fabio Lattuchella

DI SEGUITO LA CRONACA COMPLETA DEL MATCH, MINUTO PER MINUTO E IL TABELLINO

TABELLINO – FOGGIA-GRAVINA 3-3

MARCATORI – 3′ Santoro (G), 17′ Santoro (G), 35′ Anelli (FG), 42′ Santoro (G), 74′ Anelli (FG), 83′ Gentile (rig) (FG), 

FOGGIA – Fumagalli; Viscomi (25′ Anelli), Salvi, Salines; Di Masi (46′ Cadili), Campagna, Cittadino (69′ Salatino), Gentile, Kourfalidis (46′ Staiano); Tortori, Russo (46′ Iadaresta). A disp. Di Stasio, Sadek, Buono, Cannas. All. Ninni Corda

GRAVINA – Loliva; Di Modugno, Romeo, D’Angelo, Silletti; Tagliamonte (63′ Dentamaro), Mbida (69′ Gogovski), Alvarez, Correnti (78′ Larosa); Chiaradia, Santoro (72′ Bozzi). A Disp. Vicino, Ficara, Palermo, Diomansi, Fiore. All. Valeriano Loseto

TIRI IN PORTA – 8-4

TIRI FUORI – 6-1

ANGOLI – 7-3

AMMONITI – 27′ Di Modugno (G), 39′ Correnti (G), 47′ pt D’Angelo (G), 49′ pt Cittadino (FG), 56′ Loliva (G), 87′ Gogovski (G), 91′ Silletti (G), 

ESPULSI – 61′ Di Modugno per doppia ammonizione, 83′ Chiaradia (G), 

FUORIGIOCO – 3-2

RECUPERO – 5′ – 5′ 

Il tempo di battere la palla al centro, di intavolare i primi duelli in mezzo al campo, poi Santoro trova il tiro che sblocca la gara. Sul secondo palo, con la difesa del Foggia del tutto assente, il Gravina va in vantaggio. I rossoneri provano subito a riprendere il match e ci va vicinissimo con un colpo di testa di Salines, che termina di poco alto, sugli sviluppi di un corner. Ma è il Gravina a trovare ancora la via della rete. Passaggi precisi e palla a sinistra per il capitano gialloblu Chiaradia che parte in contropiede e arriva fino all’interno dell’area dove è liberissimo Santoro. Assist e tap-in vincente sono solo un dettaglio, 0-2 Gravina.

Attimi di paura al 20esimo quando Viscomi impatta sul portiere del Gravina Loliva (in uscita alta). Il 13 rossonero perde i sensi e per 2 minuti tutto lo Zaccheria resta col fiato sospeso, poi Viscomi esce in barella e, addirittura, vorrebbe rientrare in campo un minuto più tardi, ma il tecnico Ninni Corda lo sostituisce per precauzione con Anelli.

Ed è proprio Anelli a trovare il gol dell’1-2 sugli sviluppi di una punizione crossata bene al centro da Cittadino e deviata da un giocatore del Gravina, 1-2.

Ancora uno svarione della difesa del Foggia e il Gravina triplica ancora con Santoro, eroe gravinese dello Zaccheria oggi, tripletta per lui; 1-3.

Una traversa su punizione di Cittadino e un contropiede 3 contro 1 fallito da Russo, che calcia addosso al portiere Loliva, lasciano presagire non buonissime cose per il Foggia, si va al riposo sull’1-3.

Tre cambi per il Foggia ad inizio ripresa, Corda le prova tutte sin da subito.

Ancora Cittadino su punizione al 3′, questa volta Loliva vola all’incrocio del pali e mette in angolo. Rossoneri tutti in attacco, Iadaresta ci prova di testa ma Loliva è ancora attento.

Gentile calcia al lato da ottima posizione sugli sviluppi di un corner, poi al 59′ ci prova in rovesciata dal centro dell’area su cross di Campagna e assist di testa di Iadaresta. Ormai ci prova solo il Foggia, visto anche il risultato, con il Gravina che prova qualche ripartenza.

Al 61′ Di Modugno, già ammonito, stende Tortori lanciato verso l’area del Gravina e viene ammonito per la seconda volta. I gialloblu restano in dieci. Forcing del Foggia con due angoli consecutivi, ma senza fortuna.

Al 69′ colpo di testa fuori di Cadili.

Ci pensa ancora Anelli su uno svarione di Loliva, il portiere del Gravina, il Foggia accorcia le distanze, 2-3.

A nove minuti dal termine Iadaresta si guadagna con furbizia e mestiere il calcio di rigore che Gentile trasforma. rasoterra preciso alla sinistra del portiere e 3-3. Espulso Chiaradia del Gravina durante i festeggiamenti del Foggia. Gialloblu in 9 contro 11 nel finale e ghiotta occasione per i rossoneri. Gol annullato nel finale per un fuorigioco di Tortori. Forcing spietato del Foggia con due uomini in più, ma non basta. Termina 3-3 tra Foggia e Gravina.

Fabio Lattuchella