Dino Marino, capitano del Brindisi, intervenuto a Passione Brindisi, in onda su Canale 85, ha parlato della situazione in casa biancazzurra:

“Attendiamo una chiamata di Vangone e Montella, ma nessuno si è fatto sentire. Il vero problema non riguarda gli stipendi di aprile e maggio, alcuni di noi non hanno ancora percepito novembre, dicembre e gennaio, se non un acconto. Non abbiamo mai proferito parola per amore della squadra, ma durante gli allenamenti a volte non avevamo neanche l’acqua. Qui c’è gente con famiglie e arrivi a un punto che poi ti affidi all’Assocalciatori perché autonomamente non riesci a gestire la cosa”.