Dettagliato punto sul mercato del Bari da parte di Matteo Scala, club manager biancorosso, ai microfoni di RadioBari. Il lungo intervento è stato riportato dai colleghi di TuttoBari ed ha spaziato da Frédéric Veseli, difensore in forza all’Empoli, a Nikola Ninković, esterno offensivo dell’Ascoli, fino a Luca Tremolada, centrocampista del Brescia:

“Speriamo gli ultimi giorni ci possano dare un ulteriore salto di qualità. Veseli? Noi avevamo due strade per il calciomercato: prendere calciatori di Serie C che potevano essere più facili da prendere oppure prendere calciatori di Serie B che ci pensano di più prima di scendere di categoria. Laribi giocava per la Serie A, psicologicamente c’è bisogno di tempo. Con Veseli abbiamo già un accordo: c’è da capire se ha le motivazioni giuste per giocarsi queste battaglie in Lega Pro, ci sta pensando. Ninkovic? E’ in stallo, a differenza delle altre trattative non c’è grande linearità nelle situazioni, sia nella trattativa con l’Ascoli sia con il calciatore, c’è poca chiarezza. Se non c’è convinzione, lasciamo perdere. Altro calciatore offensivo? Saremo vigili. Abbiamo deciso di comprare non tanto per comprare. Sarebbe stato facile prendere calciatori da fumo negli occhi. Se dovesse uscire qualcuno nel reparto offensivo, faremo qualcosa anche davanti. Il mercato di gennaio è un mercato di opportunità, non si può andare ad aggredire. Nell’ultima settimana certi calciatori che fino al 15 era impensabile prendere, si decidono a spostarsi. Nelle ultime ore può verificarsi di tutto. Tremolada? E’ uno di quei tanti discorsi che vengono abbozzati, è complicato portare qui calciatori di Serie A. E’ molto forte, credo che la sua idea sia guardare in Serie B, ma noi siamo sul pezzo. E’ comunque molto complicato. Kupisz? Con il Trapani siamo ai dettagli: con il ragazzo la situazione è delineata, siamo ai dettagli”.