É un pareggio, quello ottenuto con la Virtus Francavilla, che non lascia l’amaro in bocca all’equipe del Bisceglie e ne viene data piena conferma in sala stampa dal Direttore sportivo Emanuele Belviso e dal coordinatore dell’area tecnica Vincenzo Milillo: «Sicuramente questo pareggio fa classifica, un risultato che ci da ragione le dirette concorrenti alla salvezza hanno perso e abbiamo distaccato il Siracusa. É stata una gara equilibrata: abbiamo giocato un buonissimo primo tempo e non abbiamo mai corso grossi rischi fatto salvo il palo nella ripresa».

Belviso ha altresì commentato l’episodio che lo ha visto spiacevole protagonista con l’allontanamento dalla panchina richiesto dall’arbitro: «La mia espulsione? Io mi sono alzato dalla panchina dopo un brutto fallo chiedendomi perché non fischiasse subito, tanto che anche Milillo si era avvicinato all’assistente per domandare la stessa cosa. In precedenza Giacomarro aveva subito un’entrata e il gioco si era fermato ma stavolta no».

Un pensiero va anche a chi dovrebbe assumere la guida tecnica del club nerazzurro per il regolare prosieguo della stagione, parola d’ordine in casa nerazzurra è ponderazione: «Per il nuovo allenatore aspettiamo la fine dell’anno» ha proseguito Belviso. «Ci riserviamo di valutare l’importanza di assumere un nuovo tecnico nonostante dobbiamo dare merito a mister Bruno ed a mister Pino Montinaro per aver traghettato il Bisceglie nel migliore dei modi. Con massima serenità sappiamo quello che dobbiamo fare».

«I ragazzi dal punto di vista dell’impegno hanno dato il massimo» ha fatto da eco Vincenzo Milillo «Gli avversari, anche nel periodo in cui siamo rimasti in dieci uomini, non ha concesso nulla. Dal punto di vista offensivo oggi abbiamo concluso poco ma non direi che manchino le idee. Se pensiamo alla sfida di Rieti lì ho conteggiato cinque-sei occasioni da gol quindi riusciamo a trovare spazi. Anche con Risolo, Onescu e Jakimovski abbiamo giovani di valore e di qualità e sarà per loro una grande occasione per mostrare le proprie doti lavorando intensamente per farsi trovare preparati. Pensiamo ora gara dopo gara, adesso sotto con la Cavese e cerchiamo di presentarci al meglio».

Bartolomeo Pasquale