La Fidelis Andria ci prova, spinge per lunghi tratti della partita, ma manca in cinicità. Il tutto si riassume dalle due occasioni sbagliate a pochi istanti dal termine della gara. Di fronte c’è stato un Savoia non particolarmente pericoloso, ma che ha saputo tenere in fase difensiva. Amaro in bocca in casa Fidelis, l’Andria attualmente è fuori dalla zona play-off, superata dall’Altamura. Il prossimo incontro vedrà gli uomini di Potenza affrontare il Gragnano in trasferta.

FIDELIS ANDRIA – SAVOIA 0 – 0

FIDELIS ANDRIA (3-4-3): Addario; Benvenga (84′ Siclari), Cipolletta, Gregoric; Zingaro, Piperis (78′ Adamo), Bortoletti, Petruccelli Paparusso (81′ Forte); Varriale, Cristaldi,
A disposizione: Zinfollino, De Filippo, Forte, Manno, Carrotta, Matera, Losito, Siclari, Adamo. Allenatore: Alessandro Potenza.

SAVOIA (4-3-3): Savini; Nives, Pozziello, Esposito, Guastamacchia; Costantino (54′ Maranzino), D’Ancora (64′ Del Sorbo), Alvino; Rekik, Diakitè (81′ Ayina), Gatto. A disposizione: Scolavino, Del Sorbo, Tedesco, Imbriola, Liguoro, Franzese, Maranzino, Rondinella, Ayina.

NOTE:
Ammoniti: 36′ D’Ancora (SA); 48′ Gatto (SA); 60′ Paparusso (FA) 90′ Del Sorbo (SA)
Angoli: 1-1
Recupero: 4′ p.t.; 5 s.t.