La stagione del Taranto è ufficialmente finita, con il rompete le righe, qualche giorno fa con il difensore centrale Luigi Manzo che, a Tutto Sport Taranto, l’analizza così: “Circa una settimana fa ci sentimmo con il prof per il rompete le righe e per una continuazione facoltativa degli allenamenti. Qualche mio compagno, intanto, è ancora a Taranto”.

IL PERIODO: “E’ stato tutto inaspettato: mi sono sempre allenato passando del tempo con la mia famiglia e mio figlio”.

SERIE D/H: “E’ stato un girone competitivo in cui c’erano otto giornate, ancora, da giocare e in palio 24 punti. Sia in zona retrocessione che in quella promozione era ancora tutto aperto”.

IL TARANTO: “Il nostro cammino è sotto gli occhi di tutti: inizialmente eravamo i favoriti ma poi abbiamo vissuto un periodo altalenante. Sotto le due gestioni non siamo riusciti a trovare la continuità”.

TARANTO: “Mi sono trovato molto bene. Quella dei Due Mari è una bella città, con gente molto calorosa. Nel periodo di dicembre tre ko di fila e il mercato hanno rappresentato il vero nostro problema che non siamo riusciti a gestirlo bene. Tutto ciò ha infierito fino alla fine”.

IL FUTURO: “Le decisioni spetteranno al Presidente e al nuovo staff. Se dovessi rientrare nel progetto resterei volentieri”.