I resoconti delle gare della prima giornata.

Ascoli-Trapani 3-1

L’Ascoli inizia con il piede giusto battendo 3-1 il Trapani all’esordio casalingo al Del Duca. I
padroni di casa passano in vantaggio con il solito Scamacca autore di un gran gol da fuori area al 17′ del primo tempo. Nella ripresa e’ il Trapani a mettere alle corde i bianconeri. Prima Lanni rischia grosso su un rinvio maldestro poi ci pensa il neo entrato Ferretti (19′) a trafiggerlo con un piatto morbido al volo in area. Da rivedere nell’occasione la retroguardia bianconera. Nel finale torna in vantaggio il Picchio (37′ st) grazie ad una autorete di Luperini dopo una splendida azione di Da Cruz. A due minuti dalla fine l’arbitro annulla un gol del pari di Luperini per fallo su Ferigra. Il colpo del ko arriva allo scadere con Da Cruz che in contropiede trafigge Dini con un tocco morbido di esterno. La gara si accende nel finale con la doppia espulsione di Da Cruz e Scognamillo per reciproche scorrettezze.

Cittadella-Spezia 0-3

Lo Spezia passa al Tombolato e batte 3-0 il Cittadella. Padroni di casa in pressing costante sin dall’inizio che frutta un paio di opportunita’ per Panico e Branca. La squadra di Venturato sin dalla prima conferma il suo modulo di gioco aggressivo mentre il debuttante Italiano preferisce operare di rimessa. Tiene duro per tutto il primo tempo ma al terzo della ripresa mette a segno il gol del vantaggio con Ricci ben servito in area da Galabinov. Tre minuti piu’ tardi lo stesso Galabinov raddoppia. Il Cittadella accusa il colpo, cosi’ arriva anche il terzo gol ad opera di Mora che vince un rimpallo in area e scavalca Paleari. Lo Spezia approfitta del crollo dei granata per gestire senza patemi d’animo il risultato. I due allenatori si concedono una girandola di sostituzioni anche per provare i nuovi acquisti, ma l’inerzia del match non cambia.

Venezia-Cremonese 1-2

Al Pier Luigi Penzo di Venezia i padroni di casa cedono alla Cremonese per 2-1 dopo una gara molto vivace e giocata ad alti ritmi. Al 52′ Ciofani sbaglia un rigore per gli ospiti e la ribattuta seguente, anche questa respinta da un ottimo Lezzerini. Nella ripresa Mogos porta in vantaggio la Cremonese con uno stacco imperioso su calcio d’angolo a cui risponde pochi minuti dopo il capitano dei veneti Modolo, sempre con un colpo di testa arrivato su corner. All’80’ palo della Cremonese con Deli che fa da preludio al vantaggio di cinque minuti piu’ tardi grazie alla punizione spettacolare dalla lunga distanza di Castagnetti.

Virtus Entella-Livorno 1-0

Da Mancosu a Mancosu. Dall’1-0 realizzato dal siciliano alla Carrarese che lo scorso 4 maggio diede la certezza del ritorno in Serie B al 1-0 “rigoroso” sempre firmato dal bomber caro a mister Boscaglia che fa compiere il primo passo verso la salvezza nella stessa categoria a spese di un Livorno molto indietro nella costruzione di una squadra. Partita avara di emozioni, al 27′ come un fulmine a cielo sereno il fallo di Di Gennaro su Morra. Dal dischetto Mancosu non ha problemi a stendere Zima. Primo sussulto ospite al 37′ quando Rocca esplode senza preparazione un destro che si stampa sul palo opposto a Contini battutissimo. Nella ripresa mosse e contromosse tattiche, Livorno spericolato ma senza concretezza.

Salernitana-Pescara 3-1

Lamin Jallow decisivo per la vittoria della Salernitana sul Pescara, dopo il momentaneo pari di Campagnaro per gli abruzzesi. Sua la doppietta che ha regalato i primi tre punti di campionato alla squadra dell’ex Ct Ventura. Occasione subito per la Salernitana all’8′, con il colpo di testa di Akpa Akpro che colpisce la parte alta della traversa grazie anche alla deviazione di Fiorillo. La Salernitana passa in vantaggio al 36′ quando Jallow sfrutta una indecisione difensiva e sul cross di Jaroszynski, trova lo spiraglio giusto. Allo scadere del primo tempo, Firenze su punizione fa tremare Fiorillo, colpendo la traversa. Al 9′ arriva il pari del Pescara al primo vero affondo grazie a un colpo di testa di Campagnaro su una punizione di Memushaj. Decisivo Jallow al 33′ quando riprende una corta respinta di Fiorillo su un tiro di Giannetti, ribadendo la palla in rete. Al 37′ Giannetti chiude i conti, mettendo nell’angolo alto la palla del 3-1.

Crotone-Cosenza 0-0

Il derby calabrese che inaugura la stagione all’Ezio Scida termina con un vivace 0-0, sul quale i padroni di casa hanno forse qualcosa in più’ da recriminare. Il Cosenza fa la partita che in pratica Braglia aveva preannunciato, equilibrato e concentrato soprattutto a chiudere gli spazi ad un Crotone che, quindi, fatica a fare il suo gioco. La partita s’infiamma dopo la mezz’ora. Al 32′ Corsi mette un piede provvidenziale sul piattone a botta sicura di Mazzotta; due minuti dopo è Perina a negare il gol a Messias, mettendo sopra la traversa con un grande riflesso. Sul capovolgimento di fronte Carretta libera un sinistro a giro dal limite che chiama Cordaz al grandissimo intervento; il portiere di casa ci arriva con la punta delle dita e devia la palla sul palo.
Il duello si ripete al 14′ della ripresa quando (dopo un paio di opportunità per il Crotone) il 10 del Cosenza vince un rimpallo e si ritrova da solo contro Cordaz, che si supera deviando in angolo. Dall’altra parte Simy spreca da pochi passi. Al 33′ Cosenza in 10 per doppio giallo a Sciaudone. Sugli sviluppi del calcio di punizione Golemic mette incredibilmente alto da pochi passi. E nel finale è un destro di Mustacchio a sfiorare il palo alla destra di Perina.

Pisa – Benevento 0-0

Finisce 0-0 il match tra Pisa e Benevento, gara d’apertura della Serie BKT 2019/2020. Davanti a oltre 8500 spettatori, e con una splendida cerimonia, che ancora una volta certifica il legame tra il campionato cadetto e i territori, con Inno Nazionale, Cortei del Gioco del Ponte e delle Repubbliche Marinare e sbandieratori che hanno accompagnato l’ingresso in campo delle squadre.

Nella prima frazione il Benevento prova a prendere in mano le redini del match in avvio ma il Pisa si difende con ordine e prova a colpire in contropiede anche se Masucci non riesce a rendersi pericoloso. Improta, verso la metà del primo tempo, ci prova dal limite ma Gori blocca. Dall’altro lato l’occasionissima capita sulla testa di De Vitis che però al momento del tiro da distanza ravvicinata scivola e non imprime la forza necessaria per sbloccare il risultato.

Il primo tempo si conclude quindi a reti inviolate ma con una buona intensità.

Nella ripresa il copione non cambia ma i nerazzurri col passare del tempo prendono coraggio e ci provano con delle ripartenze che gli attaccanti di mister D’Angelo però sprecano sul momento del tiro.

Al 70′ Coda di testa gira fuori di poco un cross di Letizia, ed è forse questa la più grande occasione del match per i giallorossi. Altra occasione, sempre di testa, per Tello ma anche in questo caso la mira è difettosa.

Nel finale i campani ci provano ancora ma senza trovare la via della rete è anzi Marconi a tentare l’eurogol con un tiro da centrocampo che si spegne di poco sopra la traversa. Quando tutto sembra finito Del Pinto stende Marconi in area. Dagli undici metri, proprio al 4° minuto di recupero, lo stesso attaccante si fa ipnotizzare da Montipò che salva i suoi.

Il match termina quindi 0-0 con le due squadre che si dividono la posta in palio nel primo match della stagione.

I risultati – Pisa – Benevento 0-0 Crotone – Cosenza 0-0 Salernitana – Pescara 3-1 Ascoli – Trapani 3-1 Cittadella – Spezia 0-3 Venezia – Cremonese 1-2 Virtus Entella – Livorno 1-0

Le partite da disputare – Empoli – Juve Stabia (25/8, ore 18) Perugia – Chievo (25/8, ore 21) Pordenone – Frosinone (26/8, ore 21)