Pollidori e Saani: “Che sofferenza, ha vinto il gruppo”
“E’ stata una partita sofferta, l’avevamo preparata e sapevamo che loro si allenavano da più tempo, ma conta anche la testa. Abbiamo dimostrato ancora una volta quanto valiamo e siamo felici”. Momo Saani, arrivato a quota 6 reti in metà stagione con il Barletta con il centro all’Unione Calcio Bisceglie, non ha dubbi. “Questa è la gioia più bella della mia carriera quanto a salvezze ottenute: è stato entusiasmante festeggiare davanti a questo pubblico meraviglioso, se ci fosse un bel progetto resterei qui ben volentieri”. Con una dedica speciale: “Per i tifosi, i dirigenti che non ci hanno mai fatto mancare nulla e tutte le componenti del Barletta Calcio”.

Soddisfazione e commozione nelle parole del presidente onorario del Barletta, Pino Pollidori: “Sembra quasi che la partita di oggi abbia racchiuso l’intera stagione, fatta di sofferenza e colpi di scena. Per fortuna abbiamo raggiunto l’obiettivo, il mantenimento della categoria. Cosa ho pensato sulla loro rete dell’1-2? Che i ragazzi avrebbero reagito e così è stato. Le due squadre hanno onorato il calcio, è stata una splendida partita”. Nella quale ha trovato posto anche la firma di un barlettano doc come Pietro Filannino: “Sono felicissimo, è un ragazzo forte che non aveva trovato molto spazio. Importante che la firma sulla salvezza sia sua. E’ stato emozionante anche vedere i tifosi che hanno risposto al nostro appello numerosi e calorosi”. Ora riposo, con un occhio al futuro: “Ci prendiamo una settimana di tranquillità, poi riprenderemo a programmare – assicura Pollidori – e abbiamo una speranza, che ci diano lo stadio Puttilli”.