Pubblico della grandi occasioni e scenario che va ben oltre la serie D. Lo Iacovone si è vestito a festa per il big match di giornata che ha visto uscire sconfitto, ma a testa alta, i ragazzi di mister Bitetto.

Il tecnico gialloblù è costretto a cambiare la formazione a causa dell’infortunio di Matera. E allora il 2000 in campo è il portiere Cappa (esordio stagionale) mentre c’è Tedone a fare il terzino. Loiodice parte dalla panchina, Vitofrancesco titolare a centrocampo, mentre Lattanzio affianca Foggia. Mister Panarelli risponde con l’annunciato 4-2-3-1. Manzo in cabina di regia. Alle spalle dell’unica punta Roberti ci sono Esposito-D’Agostino-Oggiano.

La partita ci mette ben poco ad innescarsi. Minuto 4, Manzo recupera palla a centrocampo e serve D’Agostino che si accentra e calcia. Cappa c’è e blocca. È ancora il capitano dei rossoblu a rendersi pericoloso al 15esimo con una punizione telecomandata all’incrocio. Cappa vola e si rifugia in corner. L’Audace occupa bene il campo, cerca di non far giocare gli avversari per colpire con rapide ripartenza. Al 21’esimo è un cross di Tedone a trovare la testa di Foggia. Palla larga. È al minuto 23 però che i gialloblù creano la migliore palla gol. Angolo di Vitofrancesco, Lattanzio al volo calcia di prima intenzione. Antonino d’istinto respinge, poi il tiro di Carannante termina fuori. Il Taranto capisce che deve alzare il ritmo e risponde allo stesso volume al minuto 30. Punizione da posizione defilata di Oggiano. Tiro diretto in porta e palla che tocca la parte alta della traversa. Tre minuti dopo però i rossoblu passano. Punizione di D’Agostino per il liberissimo Oggiano che ha tutto il tempo di crossare per lo stacco perentorio di Roberti che non lascia scampo a Cappa e porta in vantaggio i suoi. Nel finale di tempo è un tiro dalla distanza di Bonavolontà a creare qualche problema a Cappa. Il portiere gialloblù sbaglia la presa e la palla termina in corner. 1-0 e squadre negli spogliatoi.

L’Audace torna in campo vogliosa di recuperare subito il match. Al 50esimo, Foggia innesca Vitofrancesco ma Antonino è bravo ad uscire e respingere il colpo sotto del centrocampista gialloblù. Bitetto capisce che è il momento di osare ed inserisce Loiodice per Vitofrancesco. Ed è proprio il fantasista barese al minuto 55, a liberare in verticale Foggia. Il tiro cross del numero 9 gialloblù trova in area Lattanzio che da pochi passi e a porta sguarnita non può propio sbagliare. 1-1 Audace. Il Taranto sembra subire il colpo e la punizione di D’Agostino al minuto 59 è facile preda di Cappa. Mister Panarelli prova allora a mischiare le carte inserendo Favetta e Massimo mentre l’Audace, con gli ingressi di Pollidori e Abruzzese, cerca di narcotizzare il match. Le occasioni infatti non arrivano, si gioca per lo più a centrocampo fino al minuto che cambia la partita. È l’85esimo, quando su una punizione contestata dai gialloblù, D’Agostino pesca Salatino bravo a trovare Favetta sul secondo palo. L’attaccante, tutto solo, di testa non sbaglia e firma il 2-1. Gli ultimi assalti portano ad un tiro svirgolato di Carannante su sponda di Pollidori.

Finisce 2-1 per il Taranto. Ora serve ripartire subito da Gragnano per continuare la corsa alla vetta.

IL TABELLINO

Taranto – AUDACE CERIGNOLA 2-1

MARCATORI: 33’ Roberti (T), 56’ Lattanzio (C), 85’ Favetta (T)

Taranto (4-2-3-1): Antonino, Manzo, D’Agostino, Roberti (88’ Menna), Esposito Vittorio (65 Favetta), Pelliccia, Di Bari, Bonavolontà (81’ Salatino), Bova, Ferrara, Oggiano (65 Massimo). A disposizione: Pellegrino, Guadagno, Marsili, Di Senso, Croce. All: Panarelli

AUDACE CERIGNOLA (4–4-2): Cappa, Tedone, Russo, Carannante, Di Cecco (72’ Abruzzese), Allegrini, Vitofrancesco (54’ Loiodice), Esposito Alessio, Foggia, Lattanzio (75’ Pollidori), Longo (81’ Marotta). A disposizione: Abagnale, Matere,De Cristofaro, Nardella, Parise. All: Bitetto

NOTE:

Ammoniti: Allegrini (A), Lattanzio (A), Carannante (A), Oggiano (T), Di Cecco (A), Di Bari (T), Pollidori (A).

RECUPERO: primo tempo: 1’ minuto; secondo tempo: 5’ minuti.

Angoli: 5-2