Matteo Ciofani, difensore del Bari, a Il Corriere Dello Sport racconta il suo percorso spirituale:

“Il calcio ti porta tutto, ma può farti perdere la testa. Ho preferito non perderla grazie alla fede. Ho dato un senso alla mia vita. Mosè è stato isolato col suo popolo. Un ritiro un po’ lungo, certo, ma necessario per proteggerli dagli egiziani. Gesù è stato isolato con Giacomo e Giovanni, che ebbero una rivelazione. Ed è stato in quarantena anche Lui, nel deserto, resistendo alle tentazioni del diavolo. Sappiamo tutti quanto sia dura questa prova e quanto forte sia l’avversario da affrontare. Per questo, come atleti e come cristiani, comprendiamo l’importanza e la grande utilità dell’isolamento e del rispetto dell’autorità. Solo così possiamo proteggerci. Nel domani di tutti noi c’è una grande sfida. Prepariamola in ritiro e vinceremo”.