Foggia-Verona 2-2

59

Termina 2-2 il match dell’ora di pranzo. Grande prestazione del Foggia che sciupa anche un rigore e altre occasioni per vincere. Risposta della squadra rossonera al momento negativo

Tutto o niente. Il motto alla vigilia di Foggia-Verona poteva essere questo. Ma un pareggio contro gli scaligeri, seppur in casa, porta una “ventata” fresca, soprattutto se arrivato al termine di una prova maiuscola degli uomini di Padalino. E allora ecco che il tecnico foggiano caccia dal cilindro il coraggio di chi è arrivato al Foggia per incidere in maniera decisa. Tridente d’attacco e formazione votata all’attacco. Alla fine termina 2-2, con un gol annullato al Foggia, un rigore sbagliato da Iemmello e tante occasioni sciupate. Ma serviva una risposta, che è arrivata nel gioco e anche nel risultato.
LA CRONACA DEL MATCH – Coraggio, appunto. Così Agnelli calcia in porta dopo soli 23 secondi chiudendo un’azione alimentata da un corss di Kragl e deviato dalla difesa. Lo stesso tedesco calcia direttamente in porta dopo un minuto, ma manda la palla di poco fuori. I rossoneri spingono sin dalle prime battute.
Mazzeo al centro, Iemmello a sinistra e Galano a destra, questo il tridente d’attacco per rispondere alla corazzata Verona. Kragl torna sulla sinistra a centrocampo, Zambelli è dall’altro lato. In difesa Tonucci, Martinelli e Ranieri.
Un gol annullato a Pazzini, con un classico colpo di testa, riporta per un attimo tutti sulla terra, ma il sospiro di sollievo di quella bandierina alzata aiuta il pubblico di casa a non subire una nuova delusione. Ancora Kragl calcia di poco alto dopo una bellissima azione partita da Zambelli. Al decimo si scaldano gli animi, in campo e sugli spalti. Kragl si “prende” con Henderson a centrocampo, mentre entrano i tifosi del Verona, in forte contrapposizione con quelli rossoneri. Al 15esimo il vantaggio degli scaligeri con un tap-in vincente di Pazzini dopo un’ottima parata di Noppert. Ancora Pazzini calcia alto con un tiro al volo da posizione leggermente defilata al 17esimo. Un colpo di testa debole di Iemmello, al 27esimo, parato aghevolmente da Silvestri, spezza dieci minuti con poche emozioni. Poi grandissima occasione per il Foggia con Galano che calcia di poco al lato dopo un cross di Zambelli e assist di Agnelli al limite dell’area. Il Foggia di Padalino ha reagito in maniera veemente allo svantaggio, ma il Verona è pericolosissimo nelle ripartenze con la velocità dei suoi uomini.
Solo un minuto dopo la grande occasione per Galano, ecco il pareggio rossonero con Mazzeo. Cross di Zambelli, errore della difesa veronese che liscia l’aggancio e il numero 19 del Foggia è abile a calciare a rete in scivolata. Esplode lo Zaccheria per il pareggio del Foggia, ma soprattutto per il grandissimo gioco degli uomini di Padalino. Al 35esimo ennesima punizione velenosa di Kragl, con Silvestri attento sul primo palo che devia in angolo. Tiro fuori misura di Henderson al 40esimo e una sventola altissima di Pazzini al 41esimo, prima del nuovo gol veronese, questa volta aiutato da un errore in uscita di Noppert. A segnare è Lee. Le due squadre vanno negli spogliatoi dopo un minuto di recupero con il punteggio di 1-2.
Nella ripresa il Foggia prova a pungere con un tiro di Iemmello da fuori area al 55esimo, poi contropiede di Matos e ottima risposta di Noppert.
Gol annullato a Iemmello al 58esimo con grandi proteste di tutto lo stadio per un contatto ritenuto ininfluente, poi la grande occasione per raddrizzare la gara. Da azione di corner, Tonucci è strattonato in area. Rigore per il Foggia con Iemmello che calcia basso e centrale, trovando la risposta di piede di Silvestri.
Tiro dalla distanza di Lee, che però calcia debolmente facilitando l’intervento di Noppert, poi di nuovo Foggia con un tiro di KKrsgl, che termina al lato.
Ad un quarto d’ora dal termine è Gerbo a riportare la situazione in parità. Cross di Zambelli per Chiaretti che non aggancia, la palla arriva a Kragl che dribbla Almici in area e scarica per Gerbo che la mette di potenza sotto l’incrocio. 2-2 e nuovo vigore per il Foggia di Padalino.
Gravissimo errore di Galano all’84’ con un tiro piazzato a tu per tu con il portiere avversario, bravo a deviare la palla, poi azione simile a quella del pareggio, ma questa volta Gerbo è scalciato alle spalle prima del tiro. Punizione dal limite per il Foggia, da posizione d’oro per il tedesco Kragl, ma il suo tiro trova la barriera. Un contropiede nel secondo dei 6 minuti di recupero, mall sfruttato da uno stanchissimo Iemmello, poi dentro anche Loiacono al posto di Zambelli, uno dei migliori in campo. Ancora un tentativo dalla distanza di Gerbo, di poco fuori poi il triplice fischio finale. Un ottimo Foggia pareggia contro il Verona, al termina di una bella partita.

TABELLINO
FOGGIA-VERONA 2-2
FOGGIA – Noppert; Tonucci, Martinelli, Ranieri; Zambelli (93′ Loiacono), Agnelli, Gerbo, Kragl; Galano (96′ Carraro), Mazzeo (65′ Chiaretti), Iemmello. A disp. Bizzarri, Sarri, Deli, Cicerelli, Rubin, Boldor, Arena, Ramè, Gori. All. Pasquale Padalino
VERONA – Silvestri; Almici, Dawidowicz, Caracciolo, Balkovec (57′ Empereur); Henderson (88′ Marrone), Gustafson, Zaccagni (69′ Colombatto); Matos, Pazzini, Lee. A disp. Berardi, Chiesa, Eguelfi, Marrone, Laribi, Kumbulla, Danzi, Tupta, Bianchetti. All.Fabio Grosso
MARCATORI – 15′ Pazzini (VR), 30′ Mazzeo (FG), 44′ Lee (VR), 74′ Gerbo (FG),
AMMONITI – 36′ Pazzini (VR), 45′ Kragl (FG), 70′ Gustafson (VR), 73′ Matos (VR),
ESPULSI – Al 76′ espulso il DS del Verona D’Amico. All’81’ espulso Grosso, allenatore del Verona
TIRI IN PORTA – 9-4
TIRI FUORI – 5-4
FUORIGIOCO – 2-3
ANGOLI – 7-2
RECUPERO – 1′ – 6′
ARBITRO – Francesco Fourneau di Roma
ASSISTENTI – Manuel Robilotta di Sala Consilina e Mattia Scarpa di Reggio Emilia
QUARTO UFFICIALE – Ivan Pezzuto di Lecce
NOTE – Gol annullati a Pazzini e Iemmello, rigore sbagliato da Iemmello.