Risultato sonoro per i rossoneri al cospetto degli irpini. Gara senza scuse per il Foggia che mai è entrato in partita. Marchionni: “Il Foggia oggi non c’è stato, la colpa è solo mia”

Prosegue la striscia positiva dell’Avellino, alla nona gara senza sconfitte e alla settima vittoria. Gli irpini di mister Braglia hanno superato il Foggia 4-0 imponendo il ritmo alla gara e annichilendo gli avversari senza dargli l’opportunità di ribattere. Partita senza storia.

PRIMO TEMPO – Partenza shock del Foggia, così dopo un tiro alto di Silvestri arrivano le due reti che indirizzano la gara verso i biancoverdi. All’11 su palla persa da Kalombo e conseguente cross di Tito, il colpo di testa di Maniero è stoppato da Di Stasio e dalla traversa, poi sulla ribattuta Fella è abile a metterla in rete dopo il tiro di Carriero. Timida reazione del Foggia con Kalombo su cross di Di Jenno, con la deviazione di Tito che mette in difficoltà il portiere Forte, ma l’Avellino si salva. Al 18’ il raddoppio con una serie di errori madornali dei rossoneri. Vitale perde palla sulla trequarti propria, Maniero non ci pensa due volte e calcia verso la porta una palla non irresistibile, Di Stasio fuori dai pali compie la frittata con un intervento imbarazzante. 2-0 per i padroni di casa. Al 35’ su cross di Tito, Fella manda fuori di testa da posizione ravvicinata. Ancora Fella al 42’ con un tiro da fuori, palla al lato. Termina il primo tempo con il Foggia che deve reagire per riaprire la gara.

SECONDO TEMPO – Un calcio di rigore chiesto da Kalombo per un presunto contatto con Forte, che ad onor del vero lo evita in modo attento. Poi il terzo gol irpino che chiude la gara. Su calcio di punizione laterale di Tito è Fella ad insaccare di testa, complice anche Di Jenno, che neanche salta nel contrasto con l’attaccante padrone di casa. Così appena inizia il secondo tempo, dopo soli tre minuti, la gara è già conclusa. 3-0 dell’Avellino che ha la vita facile contro un avversario che sembra tramortito. Col risultato in ghiaccio l’Avellino da sfogo al turnover con alcuni cambi atti a preservare forze in vista degli impegni ravvicinati.  

Azione corale dei biancoverdi che ora giocano in scioltezza, il tiro di D’Angelo al 54’ termina al lato.

Al 71’ inserimento di D’Angelo e buona risposta di Di Stasio in angolo. Due minuti dopo lo stesso numero 12 rossonero mette in angolo alzando un tiro di Aloi, poi sugli sviluppi del corner tiro dal limite dell’area di De Francesco, che di controbalzo insacca il gol del 4-0. Ancora una seconda palla trovata dall’Avellino. Destro di Santaniello all’82’, con palla al lato. Non succede più nulla, il Foggia soccombe sotto i colpi dell’Avellino in modo troppo evidente.

TABELLINO –

Avellino – Foggia 4-0
MARCATORI – 11′ e 48′ Fella (AV), 18′ Maniero (AV), 74′ De Francesco (AV)

AVELLINO (3-5-2) – Forte; Illanes, Miceli, L. Silvestri; Adamo (67′ Rizzo), Ciancio (52′ Aloi), De Francesco, Carriero (52′ D’Angelo), Tito; Maniero (70′ Bernardotto), Fella (70′ Santaniello)
A disp.: Pane, M. Silvestri, Dossena, Rocchi, Baraye
All.: Braglia
FOGGIA (3-5-1-1) – Di Stasio; Galeotafiore, Gavazzi, Del Prete; Kalombo (88′ Moreschini), Vitale (46′ Garofalo), Salvi (46′ Rocca), Morrone, Di Jenno; Curcio (88′ Pompa), Dell’Agnello (66′ Nivokazi)
A disp: Jorio, Anelli, D’Andrea, Germinio, Agostinone, Cardamone, Baldé
All.: Marchionni

DIREZIONE DI GARA – Arbitro: D’Ascanio di Ancona
1′ Assistente: Trasciatti di Foligno
2′ Assistente: Carpi Melchiorre di Orvieto
Quarto Ufficiale: Maranesi di Ciampino

AMMONITI – 44′ Carriero (AV), 66′ Adamo (AV), 86′ Morrone (FG), 90′ Rocca (FG)

Fabio Lattuchella