Al ” Nobile” di Lentini arriva una brutta sconfitta nel punteggio per il Bisceglie, nel recupero della decima giornata del girone C di serie C. La gara non era stata disputata il 12 ottobre, per i noti casi di Covid nei nerazzurri. Il Catania batte 3-0 il Bisceglie, grazie alle reti di Sarao al 4′, Calapai al 42′ e all’autorete sfortunata di Priola all’82’.

Gli etnei si presentano in campo con il 3-5-2: Confente in porta, in difesa Silvestri, Claiton e Zanchi; a centrocampo Calapai, Pinto, Welbeck, Maldonado e Biondi; in attacco Sarao in coppia con Pecorino. Per il Bisceglie, mister Bucaro ha schierato i suoi con il 4-3-3: Russo in porta; De Marino, Vona, Priola e Giron; a centrocampo Maimone, Cittadino e Ferrante; in attacco Mansour, Musso e Padulano. 

Il vantaggio del Catania arriva solo dopo 4 minuti: su un corner di Maldonado, Sarao, con perfetto stacco di testa, porta avanti gli etnei. La reazione del Bisceglie arriva poco dopo: al 7′ Maimone ci prova con un diagonale deviato in corner, ma i nerazzurri protestano anche per un presunto fallo di mano su precedente tiro di Ferrante.

Sul finire di un primo tempo piacevole (42′), giocato a viso aperto da entrambe le squadre, con occasioni da ambo le parti, arriva il raddoppio del Catania con Calapai: azione che nasce da Pinto e si conclude con l’assist di Maldonado per il terzino rossoazzurro, che batte il portiere del Bisceglie, Russo. La prima frazione si conclude quindi sul 2-0: un duro colpo per i pugliesi, che stavano giocando un buon match.

Il gol subito sul finire del primo tempo segna una svolta: ad inizio ripresa arriva prima l’espulsione di Bucaro, per un eccesso di proteste ed un faccia a faccia anche con l’attaccante etneo Sarao; pochi minuti dopo, Musso lascia in 10 il Bisceglie con un fallo in elevazione, che l’arbitro Bordin ritiene da rosso. Nel mezzo c’era stata anche una rete annullata all’attaccante del Catania, Pecorino.

Per il Bisceglie la partita diventa così tremendamente difficile. Il colpo del KO arriva all’82’ con una sfortunata autorete di Priola: conclusione di Biondi, respinta dal portiere del Bisceglie Russo, carambola su Priora e palla in rete per 3-0.

Negli ultimi minuti il Catania ha la possibilità di dilagare, ma il punteggio non cambia, per un definitivo 3-0

Con la vittoria di ieri, Il Catania sale a 19 punti e aggancia il Catanzaro. Il Bisceglie rimane fermo a 10, con due gare da recuperare (Avellino e Casertana).

IL TABELLINO

Catania (3-5-2): 32 Confente; 5 Silvestri, 3 Claiton, 29 Zanchi (dall’84° 2 Noce); 26 Calapai, 6 Welbeck, 15 Maldonado (dal 71° 16 Albertini), 21 Biondi, 20 Pinto (dall’84° 19 Manneh); 31 Pecorino (dall’84° 17 Piovanello), 9 Sarao (dal 71° 10 Reginaldo). Allenatore: Gianluca Cristaldi. A disposizione 1 Santurro, 12 Della Valle, 33 Panebianco, 28 Emmausso, 11 Virikkis.
Bisceglie (4-3-3): 1 Russo; 4 De Marino (dal 46° 16 Pelliccia), 5 Priola, 6 Vona, 3 Giron; 23 Maimone (dall’84° 21 Casella), 8 Cittadino (dal 59° 9 Makota), 15 Ferrante (dal 46° 14 Cigliano); 7 Mansour, 10 Padulano (dal 46° 24 Sartore), 18 Musso. Allenatore: Giovanni Bucaro. A disposizione: 22 Spurio, 26 Altobello, 25 Tarantino, 20 Lauria, 13 Zagaria, 19 Vitale, 11 Rocco.
Arbitro: Bordin di Bassano del Grappa.
Assistenti: Giorgi di Legnano, Martinelli di Seregno.
Quarto ufficiale: Costanza di Agrigento.
Rete: 4° Sarao, 42° Calapai, 81° autogol Priola.
Note: gara a porte chiuse. Ammonito: Maldonado (63°), Albertini (78°). Calci d’angolo: 5-2. Espulsione: mister Giovanni Bucaro (49°), Musso per somma di ammonizioni (22°, 57°).

Fonte Foto: Nino Russo. Tabellino: Livescore