Lecce – «Essere davanti è sempre meglio. E questo ci consente di essere padroni del nostro destino». Dispensa fiducia e ottimismo mister Eugenio Corini, alla vigilia della gara di domani pomeriggio (ore 14), al Via del Mare, tra Lecce e Cittadella. I giallorossi sono secondi, ad un punto di vantaggio dalla Salernitana, che sempre domani sfiderà il Monza, terzo. «La squadra ha lavorato bene in questo periodo – ha sottolineato mister Corini – Questo è un campionato particolare per tutti e bisogna cercare di organizzarsi al meglio. Ho voluto far staccare i ragazzi per un paio di giorni per poi sfruttare al meglio questa settimana, recuperare le forze ed arrivare al meglio al Cittadella, così come è stato».
Mancano quattro giornate alla fine del campionato e per il tecnico giallorosso, «più ci si avvicina all’obiettivo più è importante l’aspetto mentale. Ci sono tante piccole cose che non ci devono disturbare – ha proseguito – dunque essere forti dal punto di vista dell’equilibrio mentale è fondamentale. Bisogna cercare di non sporcare la partita bensì portare avanti il nostro
atteggiamento».
Tra i convocati si rivedono Listkowski e capitan Mancosu. «Marcin è nella lista dei convocati dopo la lunga assenza perché lui stesso mi ha chiesto di tornare in ritiro con la squadra dopo tanto, essere vicino ai compagni e respirare nuovamente l’aria della partita – ha chiarito Corini – Tuttavia non parteciperà al match, poiché pur andato avanti nel proprio processo di crescita dopo l’infortunio non è ancora al meglio della forma. Per questa volta sarà dunque di supporto ai compagni, poi da domenica speriamo possa tornare a disposizione. Quanto al capitano, l’ho visto bene, motivato e sappiamo quanto sia importante per noi. Sta crescendo nel corso di questo periodo di lavoro, è chiaro che gli manchi il riscontro del campo, visto che non è titolare da Venezia. È pienamente recuperato e disponibile, la qualità di Marco sarà sicuramente importante. Dovrò valutare se sarà
utile a gara in corso o se in queste partite può essere una carta importante da utilizzare a inizio match».

In dubbio, in attacco (per far coppia col bomber Coda), Pettinari. «Si è fermato prima della pausa per un indolenzimento. Poi ha recuperato, oggi l’ho visto bene e ci sono buone possibilità che sia in distinta. Mi prendo comunque del tempo per capire se dargli una pausa, in vista del Monza, farlo andare in panchina o schierarlo dall’inizio». Infine, una considerazione sugli avversari di domani: “Il loro sistema base è il 4-3-1-2 anche se in passato hanno usato l’albero di Natale. Sono aggressivi, hanno conoscenze e sono allenati da un tecnico esperto, come Venturato. Sappiamo dove limitare i loro pregi e li abbiamo studiati a modo per cercare di colpirli. Non è certo un avversario facile ma – ha concluso mister Corini – ci
proveremo consapevoli di dover fare la nostra partita».

Qui di seguito le probabili formazioni

Lecce
4-3-1-2
21 Gabriel; 2 Maggio, 5 Lucioni, 6 Meccariello, 25 Gallo; 37 Majer, 42
Hjulmand, 23 Bjorkengren; 53 Henderson; 9 Coda, 20 Pettinari
Allenatore: Corini
In panchina: 22 Vigorito, 1 Bleve, 4 Pisacane, 17 Dermaku, 24 Zuta, 27
Calderoni, 7 Paganini, 16 Nikolov, 8 Mancosu, 77 Tachtsidis, 10 Yalcin,
14 Stepinski, 99 Pablo Rodriguez

Cittadella
4-3-1-2
36 Kastrati; 15 Frare, 5 Adorni, 6 Camigliano, 17 Donnarumma; 8 Proia, 4
Iori, 23 Branca; 7 Rosafio; 11 Beretta, 92 Baldini
Allenatore: Venturato
In panchina: 77 Maniero, 2 Perticone, 14 Ghiringhelli, 10 D’Urso, 16
Vita, 26 Pavan, 20 Gargiulo, 29 Mastrantonio, 32 Ogunseye

La Gazzetta del Mezzogiorno