Rossoneri ancora battuti. Solo un sussulto nel finale, nulla di più. Troppo poco per questa categoria, situazione preoccupante

Un gol di D’Angelo nel primo tempo e uno di Santaniello nella ripresa. L’Avellino supera il Foggia a domicilio con troppa facilità. Solo un sussulto nel finale per il Foggia, che accorcia le distanza con Vitale a 3 minuti dal termine, ma che poi non riesce a dar seguito con un forcing adeguato. Termina 1-2 il posticipo dello Zac con una nuova partita negativa dei rossoneri. E’ buio profondo.

CRONACA PRIMO TEMPO – Dopo una prima fase di studio, al 13′ Curcio ci prova con un tiro dalla distanza, di prima intenzione, che termina alto. Al 17′ grandissima occasione per gli irpini. Kalombo lascia scappare via troppo facilmente Burgio sulla sinistra, sul primo cross non riesce ad intervenire nessuno, sul secondo traversone, dalla destra, Rizzo trova liberissimo in area Santaniello che aspetta il rimbalzo del pallone e di testa spedisce clamorosamente al lato. Al 24′ punizione procurata e calciata da Gentile in malo modo. Al 26′ primo cambio per l’Avellino, fuori Burgio, troppo spesso superato da Kalombo in velocità (peraltro era già stato ammonito proprio per fallo sul rossonero) e dentro l’ex Foggia Adamo. Al 29′ rovesciata fuori di Ciancio, dopo una mischia in area del Foggia. Al 35′ il gol del vantaggio avellinese con un tap-in vincente di D’Angelo su cross basso di Adamo. Decisivo un errore nello stop di Kalombo che ha spianato la strada sulla sinistra al numero 17 biancoverde. Ancora un colpo di testa debole di Dossena, parato facilmente da Fumagalli. Il Foggia non reagisce neanche sotto di una rete, solo un calcio di punizione da distanza proibitiva, calciato direttamente in porta da Curcio, ma facilmente bloccato da Forte. In pieno recupero un gol annullato a Ciancio. Sul tiro del difensore irpino c’era un fuorigioco di posizione di un suo compagno di squadra. All’intervallo Avellino in vantaggio di una rete.
CRONACA SECONDO TEMPO – Foggia che cambia decisamente volto. Dentro Dell’Agnello e Ndyaie, fuori Raggio Garibaldi e Kalombo, per un 3-4-1-2 con Di Masi che si sposta a destra, Ndyaie prende la fascia sinistra, Curcio trequartista alle spalle delle due punte. ma è sempre l’Avellino a rendersi pericoloso con una serie di azioni in sequenza con Adamo sugli scudi. Da un suo cross, al 54′ Santaniello sbaglia il tocco sotto porta mandandola fuori. Al 62′ Gavazzi stende Bernardotto in un contropiede. Rigore che Santaniello trasforma per lo 0-2. Punizione di De Francesco parata da Fumagalli al 73′. Il Foggia ci prova lottando ma la qualità dei rossoneri è decisamente inferiore agli avversari. Il Foggia è allo sbando, l’Avellino fallisce una serie incredibile di contropiede, ma pur cercando di attaccare non riesce a preoccupare la difesa avversaria. Fino all’87’, quando Ndyaie scappa sulla sinistra e da fondo campo crossa al centro dove Vitale insacca il gol dell’1-2. Ma non c’è più nulla da raccontare, il Foggia perde di nuovo in casa, 1-2. Notte fonda.

Fabio Lattuchella

FOGGIA (3-5-2) – Fumagalli; Germinio, Gavazzi, Agostinone; Kalombo (46′ Dell’Agnello), Gentile, Raggio Garibaldi (46′ Ndyaie), Garofalo (81′ Vitale), Di Masi; Curcio (77′ Balde), D’Andrea (91′ Tascini). A disposizione: Di Stasio, Moreschini, Morrone, Lucarelli, Aramini, Pompa. All. Marchionni
AVELLINO (3-5-2) – Forte; Ciancio, Miceli, Dossena (77′ Rocchi); Rizzo, Aloi, De Francesco, D’Angelo (71′ M.Silvestri), Burgio (26′ Adamo); Bernardotto (72′ Fella), Santaniello (71′ Maniero). A disposizione: Pane, Pizzella, Tito, Errico, Mariconda, Bruzzo, Nikolic. All.: Braglia

MARCATORI – 35′ D’Angelo (AV), 63′ Santaniello (AV) rig., 87′ Vitale (FG),
TIRI IN PORTA – 3-5
TIRI FUORI – 5-5
CALCI D’ANGOLO – 3-5
FUORIGIOCO – 1-2
AMMONITI – 21′ Burgio (AV), 31′ Aloi (AV), 53′ Santaniello (AV), 54′ Germinio (FG), 71′ Ndyaie (FG), 74′ Dossena (AV),
RECUPERO – 2′ – 3′