Il Nardò riparte da Portici per riallacciare il discorso salvezza interrotto con la sconfitta casalinga col Taranto. Non sarà semplice. Il Portici, pur navigando nei bassifondi con uno score di 2 vittorie, un pareggio e 6 sconfitte, reduce dalla sconfitta di Picerno, possiede un’alta percentuale realizzativa con 14 goal fatti in 9 partite e il capocannoniere del campionato Vincenzo Maione, autore di 8 goal. La difesa con 21 goal subiti rappresenta il tallone d’Achille della compagine allenata da Vincenzo Panico.


Tutti a disposizione di Ciro Danucci i ragazzi del Nardò con possibilità di riproporre il modulo ultra-offensivo  4-2-4 schierato nelle ultime domeniche. Il coach neretino dovrà lavorare sulla concretizzazione della mole di gioco prodotta. Solo 8 goal segnati di cui 4 dallo stesso giocatore, Antonio Caputo e 2 dallo svedese Toernros. Meglio invece l’assetto difensivo dove l’arretramento di Cancelli sulla linea dei difensori e l’inserimento di Sepe hanno dato solidità ad un reparto in grosse difficoltà nelle prime uscite in campionato.


Precedenti solo nel campionato 1994-95 quando il Nardò fu sconfitto a Portici per 1-0 e si rifece nel ritorno travolgendo i vesuviani per 4-0.Si giocherà su terreno sintetico a porte chiuse con diretta streaming istituzionale.
Inizio ore 14.30 dallo Stadio San Ciro di Portici (NA).
Queste le probabili formazioni e la terna arbitrale.


PORTICI 1906: (4-3-3) Schaeper, Bisceglia, Donnarumma, Nappo, Arpino, Illuminato, Savarise, Guadagni, Prisco, De Luca , Maione.
Bench. Spina, Marigliano, Petrosino, Del Gaudio, De Martino, Conte, De Luca, Esposito A., D’Acunto.
Coach: Domenico Panico

AC NARDO’: (4-2-4): Milli; Cancelli, De Giorgi, Stranieri, Sepe; Mengoli, Scialpi; Gallo, Toernros, Massari, Caputo.
Bench: Mirarco, Romeo, Trinchera, Palazzo, Zappacosta, Potenza, Valzano, Politi, Granado.
Coach: Ciro Danucci


Arbitro: Sebastian Petrov di Roma
Assistenti: Fabrizio Cozza di Paola e Luca Marucci di Rossano