Il Nardò strappa un punto da Altamura grazie ad un clamoroso autogoal del portiere biancorosso Donini e ad una strenua resistenza fino all’85’ quando Milli deve capitolare per un goal di Giuseppe Bozzi, ancora una volta a segno contro la sua ex squadra.
Due episodi decisivi per una partita che di fatto ha avuto un solo motivo: Altamura proteso costantemente all’attacco e Nardò rintanato nella propria tre-quarti campo a rintuzzare le offensive murgiane costituite prevalentemente da cross dalle fasce laterali.
La cronaca narra di un Altamura subito aggressivo che va vicino al goal già al 3′ con Tedesco liberato al tiro e con un Milli pronto alla respinta.Al 9′ corner di Guadalupi e respinta coi pugni di Milli. Al 14′ punizione radente di Guadalupi e Gambuzza non trova l’impatto vincente sotto porta.Al 17′ il Nardò mette il naso fuori dalla propria area. Nicolao si invola a centrocampo e apre per Potenza. L’attaccante granata effettua un cross dal fondo che sembra fcile preda di Donini che inaspettatamente si lascia sfuggire il pallone ritrovandolo in fondo al sacco.Toro in vantaggio.

L’Altamura accusa il colpo e al 20′ rischia di subire il raddoppio. Bella combinazione in velocità tra Potenza e Caputo con quest’ultimo al tiro. Donini respinge in tuffo riscattando in parte la papera precedente. La partita si fa nervosa. Fioccano i cartellini. Ammonito Milli per perdita di tempo, Gambuzza per gioco falloso, Mister Monticciolo per proteste.Solo una pausa che spezza la sagra del cross altamurano con Milli sempre protagonista in uscita alta e la contraerea neretina a prevalere su Tedesco e soci. Al 33′ altra incusrione in area di Gambuzza. Mischia con palla deviata in corner. Al 37′ Torre di tedesco che non trova appoggi vicnnti. Al 43′ Spano sfonda centralmente, supera Milli in uscita e tira in porta. Romeo salva sulla linea. Al 45′ altra sortita offensiva del Nardò ma Caputo prova il tiro invece di crossare per Toernros. Si va negli spogliatoi con il Nardò insperatamente in vantaggio.


Nella ripresa Monticciolo manda in campo due ex granata, dentro Giuseppe Bozzi e Pantano per Gambuzza e Lorusso.Il tema del match rimane lo stesso. Altamura alla ricerca del goal con continui cross dalle fasce o spioventi dalla tre-quarti. Nardò asserragliato in difesa. E’ un monologo altamurano a cui si oppongono Milli, con continue parate in uscita, De Giorgi e Romeo, dominanti sui palloni alti. Dalle fasce i murgiani martellano l’area avversaria con i cross di Casiello e Lorenzo. Al 61′ offensiva per vie centrali di Baradaj con tiro parato in due tempi da Milli. Il Nardò regge, l’Altamura spinge. Gioco spezzettato. Ammoniti Valzano e Fedel. Dalla panchina viene espulso un furente Monticciolo col suo vice Di Benedetto. Danucci manda in campo Scialpi per rinforzare il centrocampo al posto di Potenza.

Al 67′ si fa vedere Toernros con un tiro dalla distanza ampiamente fuori. Un minuto dopo lascerà il posto a Granado. L’Altamura prova il forcing finale mandando in campo un altro ex, Sisalli, e Langone. Fuori Baradaj e Spano. La trincea neretina sembra reggere, grazie ad un Milli in gran forma e ad un pacchetto difensivo agguerrito ma all’84’ arriva il goal biancorosso.

Sisalli vince un contrasto con Cancelli e si libera per il cross, sul secondo palo è bravo Giuseppe Bozzi a schiacciare imparabilmente di testa a rete. E’ 1-1. Il Nardò incassa e prova a farsi pericoloso nel finale ma il tiro di Granado è facile preda di Donini stavolta sveglio. Nei 5′ di recupero Guadalupi a soci provano a scodellare in area neretina gli ultimi cross ma senza esito. finisce pari. Un punto ciascuno per puntellare la classifica in chiave play off. Per il bel gioco se ne parlerà un’altra volta.

TEAM ALTAMURA – AC NARDO’ 1-1

Scorers: aut. Donini 17′, G. Bozzi 84′

TEAM ALTAMURA (3-5-2) Donini, Gambuzza (Pantano 46′), Casiello (Ansani 83′), Fedel, Lanzolla, Lorusso (G. Bozzi 46′), Lorenzo, Baradaj (Langone 69′), Tedesco, Guadalupi, Spano (Sisalli 69′).
Bench: L. Bozzi, Errico, Kanoute, Logoluso.
Coach: Alessandro Monticciolo

AC NARDO’
 (4-2-3-1): Milli; Cancelli, De Giorgi, Romeo, Nicolao; Valzano, Mengoli; Rimoli (Lamacchia 87′) Potenza (Scialpi 63′), Caputo; Toernros (Granado 69′).
Bench: Centonze, Trinchera, Palazzo, Politi, Dorini, Massari.
Coach: Ciro Danucci

Arbitro: Fabio Cevenini di Siena
Assistenti: Cosimo De Tommaso di Voghera e Edoardo Maria Brunetti di Milano
Ammoniti: Tedesco, Gambuzza, Fedel (A) Valzano, Milli, Caputo (N) Espulsi dalla panchina l’allenatore Monticciolo e il suo vice Di Benedetto per proteste.