Vittoria importante e di rigore per il Lecce di Eugenio Corini che torna a vincere al “Via del Mare” dopo quasi due mesi dall’ ultima affermazione. Era infatti dal 27 dicembre scorso contro il Vicenza che i salentini non assaporavano il gusto della vittoria casalinga.
Vittima di turno il Cosenza degli ex, tra cui il diesse Stefano Trinchera primo direttore sportivo della gestione Sticchi Damiani, nonchè ex calciatore del Lecce anni novanta.
Il Lecce parte bene ed al primo minuto rischia di passare in vantaggio con Hjulmand che da 25 metri lascia partire un bolide che si schianta sulla traversa. Il Cosenza reagisce ed al primo affondo passa in vantaggio con Gliozzi all’ 8° minuto del primo tempo, ma passano appena quattro minuti ed è Coda su calcio di rigore a riportare il risultato in parità.
Il primo tempo si chiude con il risultato di 1-1, ma nella ripresa mister Corini fa entrare capitan Mancosu il quale al 77° minuto si procura e trasforma il rigore del 2-1 battendo il portiere Falcone con un tiro secco e preciso che si insacca alla sua destra.
Con il risultato ancora in bilico è Biagio Meccariello a siglare il gol del 3-1 all’ 85° minuto, regalandosi una gioia personale dopo le troppe e per certi versi ingiuste critiche ricevute nell’ ultimo periodo a causa dei troppi gol presi.
Un Lecce che torna alla vittoria in casa e si porta a -4 dal Monza secondo in classifica.
Un’ affermazione maturata grazie alla voglia ed a uno spirito di sacrificio più intenso, ma anche da una voglia collettiva affiatata e affamata di fare risultato.

AnnunciSulWeb

Danilo Sandalo