Ultimi 90 minuti da giocare con molto obiettivi in palio. Secondo, quarto, quinto e settimo posto ancora da decidere. Così come l’ordine playout tra Bisceglie e Paganese

La trentottesima giornata del campionato di Lega Pro offre una serie importante di spunti di riflessione. Chi si aspettava una passerella finale è rimasto deluso, ma a giovarne è sicuramente il calcio. Tanti gli obiettivi rimasti “appesi” ad un filo. Come il secondo posto con il Catanzaro (in casa contro il Monopoli ormai fuori dai giochi playoff) in vantaggio sull’Avellino (in casa della Cavese). I calabresi hanno raggiunto a pari punti gli irpini ed ora potranno difendere l’ambita piazza. Ma anche il quarto posto del Bari è a rischio, con i galletti in caduta libera e costretti a giocare l’ultima sfida contro il Bisceglie con il coltello tra i denti. I nerazzurri, peraltro, son in lotta con la Paganese (gioca in casa della Casertana) per l’unico playout che si disputerà e potrebbero sopravanzare i campani, quindi se la giocheranno fino alla fine. Con questa premessa il Catania (a Foggia) e la Juve Stabia (contro la Ternana) si giocano il quinto posto ma guardano anche in lontananza al quarto. Lo stesso Foggia deve respingere gli attacchi di Palermo (in casa della Virtus Francavilla) e Teramo (con la Viterbese) per mantenere il settimo posto, ultimo utile per giocare in casa il primo turno playoff. Con il Potenza a riposo e già in vacanza da una settimana, anche  ViboneseTurris si affronteranno con lo stesso spirito, essendo già salve. 

Fabio Lattuchella